COL DE LA CROIX DE COEUR, 2174m (Vallese)



Accesso da Sembrancher 21 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Sembrancher(714)-Villette le Chable(820)
A
5,2

106

2,04

Villette le Chable(820)-1° tornante(907)
A

1,3

87

6,69

1° tornante(907)-3° tornante(1019)
A

1,4

112

8,00

3° tornante(1019)-5° tornante(1105)
A

1,1

86

7,82

5° tornante(1105)-Medières(1275)
A

2,2

170

7,73

Medières(1275)-Verbier Village(1398)
A

1,5

123

8,20

Verbier Village(1398)-Verbier Station(1490) 
A

1,2

92

7,67

Verbier Station(1490)-les Creux(1590)
A

1,1

100

9,09

les Creux(1590)-Pro Bordxey(1756)
A

1,9

166

8,74

Pro Bordxey(1756)-Les Planards(1950)
A

1,9

194

10,21

Les Planards(1950)-ultimo tornante(2046) 
A

1,0

96

9,60

ultimo tornante(2046)-Col de la Croix de Coeur(2174)  
A

1,2

128

10,67




Accesso da Riddes 21,7 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Riddes(468)-6° tornante(798)
A

4,3

330

7,67

6° tornante(798)-11° tornante(1329)
A

6,6

531

8,05

11° tornante(1329)-12° tornante(1427)
A

1,3

98

7,54

12° tornante(1427)-La Tsoumaz(1510)
A

1,2

83

6,92

La Tsoumaz(1510)-Taillay(1681)
A

2,1

171

8,14

Taillay(1681)-16° tornante(1819)
N A

1,8

138

7,67

16° tornante(1819)-19° tornante(2017)
N A

2,3

198

8,61

19° tornante(2017)-Col de la Croix de Coeur(2174)
N A

2,1

157

7,48




Il è situato sul crinale tra la conca di Verbier, nella Vallèe de Bagnes, e la valle del torrente La Farne, affluente del Rodano, e risulta accessibile mediante una ripida stradina asfaltata sul versante occidentale e non asfaltata nella parte più elevata del versante orientale; su entrambi i versanti le pendenze sono molto dure anche se non terribili ma soprattutto sono costanti perché l'ascesa non si interrompe mai neanche per un breve falsopiano a fronte di lunghezze e dislivelli veramente considerevoli.

Sul versante occidentale il percorso inizia presso Sembrancher (720m) dove ad un incrocio (714m) si lascia la strada del Colle del Gran San Bernardo e si imbocca il percorso che risale la Vallèe de Bagnes: il tracciato sale sensibilmente in mezzo ai prati lasciando sulla sinistra il villaggio di Etiez fino ad un restringimento della valle dove scende brevemente ma decisamente; in falsopiano e leggera salita si raggiunge Villette-le Chable.
Il paese è composto dal nucleo di Villette a nord del torrente e dal nucleo di le Chable a sud lungo la strada per l'alta valle; ad un incrocio (820m) a Villette prima del ponte si lascia a destra la strada per le Chable e l'alta valle e si prosegue diritti fino ad una vicina rotonda dove si svolta a sinistra sempre seguendo le indicazioni per Verbier.
Dopo 250 metri di salita moderata la pendenza diventa dura durante l'attraversamento di Cotterg (866m); si affronta il primo tornante (907m) e dopo le ultime costruzioni si entra nel bosco sempre in costante dura ascesa; si superano il secondo tornante (975m), il terzo tornante (1019m), il quarto tornante (1050m) presso il piccolo borgo di Fontenelle , il quinto tornante (1105m), il sesto tornante (1172m) ed il settimo tornante (1214m) mentre il panorama diventa sempre più ampio.
Dopo l'ottavo tornante si tocca la località Medières (1275m) e dopo il nono tornante si incontra il cartello “Verbier”; la rinomata ed estesa località turistica è formata da due nuclei: Verbier Village (1398m) è il paesino storico dove ora le poche baite antiche sono circondate da edifici moderni mentre Verbier Station (1490m) è la parte completamente nuova e moderna con una grande capacità ricettiva.
In corrispondenza del 12° tornante si trova la piccola chiesa antica di Verbier Village dietro alla quale si trova una bellissima fontana, dove è opportuno fare rifornimento di acqua per evitare di rimanere senza nel lunghissimo tratto finale.
Dopo essere passati davanti alla chiesa nuova di Verbier Village si affronta il 13° tornante e con ripida pendenza si entra in Verbier Station; nel centro ci sono due strade paralelle a senso unico; si arriva alla piazza centrale dove si imbocca la strada in fondo a sinistra che praticamente effettua il 14° tornante e sale duramente.
Dopo aver superato la moderna chiesa di Verbier Station con il suo alto campanile si arriva al 15° tornante con rotonda in località Les Creux (1590m); subito dopo ad un incrocio si deve seguire la strada principale a sinistra per continuare la dura ascesa tra le villette; tra i prati in località Les Esserts (1677m) si ignora la diramazione a sinistra per La Marlenaz.
Si continua per un tratto panoramico nei prati dove si incontra un tabellone esplicativo dei monti circostanti per poi entrare nel bosco e raggiungere un incrocio (1756m) presso un ristorante in località Pro Bordxey dove si effettua il 16° tornante a sinistra e si lascia a destra il percorso per Les Ruinettes (2192m) ed il Col des Gentianes (2894m).
Si procede in ripida salita nel bosco su strada più stretta ma sempre asfaltata; quando si esce dal bosco si vede distintamente la zona del valico in alto e si continua tra i prati lasciando a sinistra la diramazione a fondo chiuso che conduce alle baite della località La Marmotte dove si trova un ristorante.
La strada diventa più stretta ed il fondo pur rimanendo asfaltato presenta numerosi sassolini; rimane comunque ciclabile anche con una bicicletta da corsa.
Si supera il cartello di Les Planards (1950m), si passa alla base del valico e dopo un chilometro molto panoramico si affronta l'ultimo tornante (2046m); si aggira il dosso su cui sorge l'alpeggio di Grands Plans (2148m) e riappare il valico; si ignora la diramazione a fondo naturale a sinistra per l'alpeggio e per la stazione di arrivo della seggiovia a Savoleyres (2354m) e con l'ultimo duro strappo si arriva al passo.
Si gode uno straordinario panorama ad occidente sul Grand Combin (4314m), il Petit Combin (3663m), il Mont Rogneux (3084m) e le altre montagne che separano la Vallèe de Bagnes dalla Valle del Gran San Bernardo e sulle cime della parte settentrionale del massiccio del Monte Bianco, dal Mont Dolent (3820m), punto di incontro dei confini tra Italia, Francia e Svizzera, all'Aiguille d'Argentière (3901m); ad nord-est si vedono le montagne della valle del Rodano.
Sul valico sorge un ristorante con un ampio parcheggio; una facile pista con buon fondo naturale ciclabile anche dalle famiglie con i bambini collega con un ampio semicerchio il passo con le Ruinettes (2192m), raggiunte da una cabinovia abilitata al trasporto biciclette percorrendo in quota con dislivelli minimi tutta la parete montuosa sopra Verbier.

Sul versante orientale si parte da un incrocio (468m) ad ovest del centro abitato di Riddes presso lo svincolo della strada cantonale che congiunge Sion e Martigny seguendo le chiare indicazioni per La Tsoumaz ed Isérables; in alternativa in bicicletta è possibile iniziare la salita dal centro (491m) di Riddes e passando per le stradine a traffico limitato del paese tra le case, però questa possibilità è meglio gestibile in discesa per la difficoltà di orientamento nel centro abitato a causa della mancanza di indicazioni; i due tracciati si riuniscono in corrispondenza del 1° tornante.
La bella strada asfaltata sale con forte pendenza nella Foret de Riddes lungo il versante meridionale della valle del Rodano superando il secondo tornante (580m), il terzo tornante (621m), le poche baite della Ravoire (714m) dopo una galleria illuminata ed appena prima del quarto tornante (721m), il sesto tornante (798m), il settimo tornante e dopo una breve galleria non illuminata l'ottavo tornante (966m).
Si affronta un tratto roccioso dove si incontra una galleria breve ma in leggera curva seguita da un brevissimo tratto all'aperto e da una galleria più lunga che diventa poi semigalleria; entrambe sono illuminate.
Subito dopo il nono tornante (1128m) si lascia a sinistra la strada per Isérables che entra immediatamente in una galleria e si percorre una galleria illuminata di circa 300 metri; dopo il 10° tornante si percorre l'ultima galleria, illuminata e lunga 300 metri e si svolta nella valle del torrente La Farne dove si trovano Isérables sul versante orientale e La Tsoumaz su quello occidentale.
Dopo l'undicesimo tornante (1329m), dove si ignora la strada secondaria che procede diritta, si ritorna nella valle del Rodano ed in forte salita si supera il dodicesimo tornante (1427m) per poi rientrare definitivamente nella valle laterale ed arrivare nella moderna stazione turistica di La Tsoumaz (1506m).
Si raggiunge la partenza della funivia (1510m) e si esce dal centro abitato con due tornanti ancora asfaltati, il tredicesimo dove si ignora la diramazione diritta e il quattordicesimo (1632m) dove si trova una rotonda e si ignora la diramazione a destra; in località Taillay (1681m) termina la strada asfaltata e si continua su strada a ottimo fondo naturale che entra nel bosco.
Si raggiunge il 15° tornante (1720m) dove si trova un'area attrezzata con parcheggio poi si ritrova un breve tratto asfaltato prima di affrontare il 16° tornante (1819m); il fondo è uno sterrato buono con alcuni residui di vecchio asfalto e le pendenze sono impegnative ma non durissime.
Dopo il 17° tornante si lascia a destra una breve diramazione che scende leggermente alla stazione di partenza di una seggiovia e prima del 18° tornante (1964m) termina definitivamente ogni traccia di asfalto dal fondo stradale.
Il bosco si dirada e dopo il 19° tornante (2017m) si esce dal bosco tra i prati per affrontare il 20° tornante nella zona di Les Etablons de Riddes; con gli ultimi due tornanti ravvicinati si arriva al valico.

L'itinerario circolare risulta possibile in 72 Km partendo da Martigny poichè sia Sembrancher che Riddes si trovano a pochi chilometri da Martigny.

(Itinerario percorso il 30/08/2015)



La strada ed il passo sopra Verbier visti dalle Ruinettes

Grand e Petit Combin in alto, les Ruinettes a sinistra, Verbier e strada di accesso in basso

Il Monte Bianco e l'ultimo tratto di salita

Ultimo tratto di salita da Riddes ed i monti della valle del Rodano


Per vedere il video del passo e del panorama clicca



Premi per tornare all'elenco dei passi o clicca per tornare alla HOME Page