PONT, 1960m (Aosta)



Accesso da Aosta 37,6 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Aosta(583)-Saint-Pierre(681) 
8,4

98

1,17

Saint-Pierre(681)-Villeneuve(670)   

2,9

-11

-0,38

Villeneuve(670)-Introd(869) 

2,9

199

6,86

Introd(869)-Buillet(1030)  

2,2

161

7,31

Buillet(1030)-Dégioz(1541)

12,7

511

4,02

Dégioz(1541)-Eau Rousse(1670)  

3,0

129

4,30

Eau Rousse(1670)-Pont du Grand Clapey(1727) 

1,2

57

4,75

Pont du Grand Clapey(1727)-Pont(1960) 

4,3

233

5,42




La località è situata alla testata della Valsavarenche, una delle principali vallate laterale del lato meridionale della Valle d'Aosta, quasi interamente contenuta nel Parco Nazionale del Gran Paradiso.
Il progetto di una strada per congiungere Pont al Colle del Nivolet (2612m) è rimasto sulla carta per cui non vi è collegamento stradale con il Piemonte.

Da Aosta (583m) a Villeneuve (670m) si segue la strada statale di fondovalle, che si può abbandonare subito per attraversare il centro del paese o lasciare più avanti evitando l'abitato.
Si si attraversa il centro di Villeneuve si segue la vecchia strada che percorre in leggera salita l'ampia conca alle spalle del paese fino all'incrocio con il raccordo che conduce alla strada statale del fondovalle valdostano; si passa sotto l'autostrada e si comincia a salire con ampi ed impegnativi tornanti che conducono a Villes Dessous e Villes Dessus (842m).
Dopo la frazione di Morat (850m) si scende brevemente e si supera il torrente Dora di Rhemes su un ardito ponte che sovrasta una gola impressionante e profondissima; si sale nell'abitato del capoluogo di Introd (869) fino ad un dosso dove si lascia a sinistra la diramazione per la chiesa parrocchiale costruita in punto panoramico.
Dopo una brevissima discesa si affrontano gli impegnativi tornanti che conducono all'incrocio in cui si tiene a sinistra lasciando a destra la strada per la Val di Rhemes.
Si affrontano altri tornanti tra prati e boschi con vista spettacolare sul Monte Bianco fino alla frazione Buillet (1030m), poi si entra nella Valsavaranche ad alta quota rispetto al torrente e si procede con pendenze moderate e qualche tratto di falsopiano; si incontrano alcune semigallerie paravalanghe che non creano fastidi.
La valle in questo tratto risulta molto stretta e disabitata; dopo un ponte si sale in maniera più sensibile con due tornanti e si percorre una galleria abbastanza lunga ma ben illuminata.
Si procede con pendenze moderate e qualche breve tratto più impegnativo e si superano le piccole frazioni di Molère (1192m), Fenille (1305m), Bois de Clin (1391m) e Rovenaud (1461m); senza difficoltà si raggiunge Dégioz (1541m), il capoluogo del comune di Valsavarenche.
Dopo un tratto di salita impegnativa si attraversa il torrente e si oltrepassano in leggera salita Maisonasse (1632m) ed Eau-Rousse (1670m).
Il tracciato attraversa ancora il torrente al ponte del Grand Clapey (1727m) e presenta una impegnativa salita con due tornanti fino a superare una stretta gola rocciosa; dopo un ponte in posizione spettacolare si percorre un falsopiano e si riprende a salire sensibilmente con splendida vista sulla cima principale del Gran Paradiso (4061m) ben visibile a sinistra.
Con salita moderata si raggiungono le poche vecchie case di Pont (1960m) e l'albergo presso il quale la strada termina in un ampio parcheggio; si gode un'ampia vista sulla testata della valle dominata da alte vette con i loro ghiacciai.

(Itinerario percorso il 05/07/2003)



Vista sulla vetta del Gran Paradiso durante il percorso

Panorama sull'alta valle dal parcheggio di Pont

Premi per tornare all'elenco delle salite o clicca per tornare alla HOME Page