VERROGNE, 1587m (Aosta)



Accesso da Aosta 16 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Aosta(576)-semaforo(592)

2,0

16

0,80

semaforo(592)-Pont d'Avisod(652)

0,8

60

7,50

Pont d'Avisod(652)-4° tornante(747)

1,1

95

8,64

4° tornante(747)-5° tornante(889)

2,6

142

5,46

5° tornante(889)-7° tornante(1069)

2,1

180

8,57

7° tornante(1069)-Caillod(1198)

1,7

129

7,59

Caillod(1198)-Bellon(1383)

2,5

185

7,40

Bellon(1383)-incrocio Saint-Pierre(1451)

1,1

68

6,18

incrocio Saint-Pierre(1451)-Verrogne(1587)

2,1

136

6,48



Accesso da Saint-Pierre 15 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Saint-Pierre(681)-1° tornante(820)

2,2

139

6,32

1° tornante(820)-6° tornante(908)

1,5

88

5,87

6° tornante(908)-8° tornante(1021)

1,8

113

6,28

8° tornante(1021)-Fossaz(1202)

2,4

181

7,54

Fossaz(1202)-Persod(1356)

2,8

154

5,50

Persod(1356)-Petit Sarriod(1442)

1,0

86

8,60

Petit Sarriod(1442)-ponte(1426)

0,4

-16

-4,00

ponte(1426)-Méod(1526)

1,2

100

8,33

Méod(1526)-Verrogne(1587)

1,7

61

3,59




La località si trova sul versante settentrionale della Valle d'Aosta, di fronte allo sbocco della Val di Rhemes e della Valsavaranche, e risulta raggiungibile mediante la strada regionale 41, asfaltata e molto impegnativa, che presenta magnifici panorami sui ghiacciai delle montagne del versante meridionale valdostano ed effettua un interessante percorso ad anello.
Tra Aosta e Saint-Pierre ci sono solo 8,4 Km di facile, anche se trafficata, strada di fondovalle.
La salita è stata affrontata per la prima volta dal Giro d'Italia nella 14a tappa di 131 Km da Saint-Vincent a Courmayeur sabato 25 maggio 2019 salendo da Aosta e scendendo a Saint-Pierre.

Sul versante orientale si parte da Aosta con diverse varianti nel primo tratto percorrendo la vie del capoluogo.
Il percorso più semplice è il seguente: dalla centrale Piazza della Repubblica (576m), dove sorge la colonna con la lupa capitolina, si imbocca il Corso Battaglione Aosta che si dirige verso ovest praticamente pianeggiante; dopo una rotonda si continua diritti lungo il Viale Piccolo San Bernardo e dopo un tratto che costeggia la ferrovia si svolta a destra attraversando un passaggio a livello (579m) e si comincia a salire moderatamente arrivando in breve all'incrocio semaforizzato (592m) sulla statale di fondovalle che si attraversa iniziando la salita vera e propria.
In alternativa dalla rotonda (591m) dove inizia la strada per il Colle del Gran San Bernardo si segue per breve tratto la strada statale di fondovalle verso Courmayeur ed il Monte Bianco; ancora nel centro abitato del capoluogo ad un incrocio semaforizzato (592m) si svolta a destra seguendo le indicazioni per Brenlo, Duvet e Pleod.
Si imbocca in decisa ascesa la Via Gilles de Chevrères che oltrepassa la frazione Montan e costeggia rettilinea il ruscello che rappresenta il confine tra i comuni di Sarre ad ovest e di Aosta ad est; in località Pont d'Avisod (652m) si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per Ville-sur-Sarre; si esce dal territorio del comune di Aosta entrando nel comune di Sarre e dopo un brevissimo tratto facile ad un incrocio (659m) ben segnalato presso una casa gialla sulla sinistra si imbocca il tracciato a destra in forte salita con punte di pendenza al 13% tralasciando quello a sinistra in leggera discesa.
Si affrontano i ravvicinati 1° tornante (664m) e 2° tornante (673m) e si procede ancora tra case sparse; in località Rovarey dopo un breve tratto meno duro si superano con ripide pendenze il 3° tornante (726m) ed il 4° tornante (747m); dopo un breve tratto nel bosco si arriva in frazione Champlan dove ad un incrocio (772m) si continua a destra seguendo le indicazioni per Ville-sur-Sarre.
In salita moderata si raggiunge l'incrocio (799m) dove si lascia a destra il percorso a fondo chiuso per Oveillan e si comincia a scendere leggermente ignorando subito dopo (794m) una diramazione a fondo chiuso ed oltrepassando le poche case di Bettende.
Dopo un tratto facile ai piedi di una ripida parete rocciosa si attraversa la frazione Pléod in posizione panoramica e si raggiunge un incrocio (801m) dove si lascia a sinistra un tracciato alternativo che transita dal centro di Sarre.
Dopo un impegnativo traversone panoramico e solitario tra vegetazione cespugliosa si supera la piccola località Clou de Cré (871m) e subito dopo si affronta il 5° tornante (889m); dopo un altro lungo e duro traversone si supera il 6° tornante (997m) e si oltrepassa la località Verte-Dessus.
Dopo le poche case di Vareille (1054m) e la chiesetta della Madonna degli Angeli si affrontano il 7° tornante (1069m) e l'ottavo tornante (1081m) ravvicinati.
Proseguendo nel bosco si affrontano regolarmente distanziati il 9° tornante (1113m), il 10° tornante (1139m) e l'undicesimo tornante (1172m) e si arriva all'ingresso di Caillod ad un incrocio (1198m) in corrispondenza del 12° tornante dove si segue a sinistra per Saint-Pierre lasciando a destra la strada che oltrepassa i nuclei di Ville-sur-Sarre e sale alle baite di Lin-Noir (1284m) da dove si discende ad Aosta.
Si riprende a salire decisamente ed attraverso il Bois du Clapey si arriva all'incrocio (1318m) con una carreggiabile a sinistra in località Crou-Pernet; si effettua una profonda diversione in una valletta dove si incontra un'area attrezzata poco prima del ponte sul torrente.Si supera il borgo di Bellon/Bellun (1383m) in splendida posizione panoramica e dopo un tratto di ascesa moderata si tiene a destra all'incrocio (1451m), dove si lascia a sinistra una strada per il centro di Saint-Pierre; si oltrepassano le baite di Homené-Dessous (1462m) ed al successivo incrocio (1493m) si ignora la diramazione a fondo chiuso a destra per Homené-Dessus (1506m).
Si continua in forte salita nel bosco; pper un attimo appare il villaggio di Verrogne in un tratto facile seguito da una dura rampa; quando la pendenza si attenua significa che si è ormai vicini e con l'ultimo facile tratto si arriva al parcheggio a sinistra ed alla cappella di Verrogne (1580m) a destra presso il cartello; di fronte alla cappella si trova una bellissima fontana di acqua freschissima; la strada sale ancora leggermente fino al punto culminante (1587m) in corrispondenza di una carreggiabile lastricata a destra.Il panorama è bellissimo anche se meno ampio della vista che si gode nei punti più panoramici della salita su entrambi i versanti.

Sul versante occidentale si parte da Saint-Pierre, dove ai piedi della rupe dove sorgono il castello e la chiesa si svolta a destra (681m) seguendo le indicazioni per Saint-Nicolas e si abbandona la strada statale di fondovalle verso Courmayeur ed il Monte Bianco.
La strada regionale 22 sale con forte pendenza lasciando sulla destra la caserma dei Carabinieri e sulla sinistra il cimitero, poi si attraversa la frazione Ordines (736m) ed in località Vereitaz (749m) la salita diventa per breve tratto moderata.
La strada asfaltata prosegue con pendenze impegnative fino al bivio (814m) per Montovert e Cumiod dopo il quale si inerpica con 6 tornanti ed ampio panorama sia sulla valle sottostante che sulla Grivola (3969m) ed il ghiacciaio del Rutor sull'opposto versante; si affrontano in rapida successione il 1° tornante (820m) presso una fattoria, il 2° tornante (831m), il 3° tornante (839m) e più distanziati il 4° tornante (862m), il 5° tornante (886m) ed il 6° tornante (908m).
In corrispondenza del 6° tornante si trova un incrocio dove si può indifferentemente scegliere una delle due strade, che più avanti si ricongiungono, anche se Vetan è segnalato a sinistra sulla strada principale.

In salita può essere consigliabile la strada di destra, che risulta più stretta, ripida, tortuosa, ma anche molto più tranquilla; in questo caso non si effettua il tornante ma si procede diritti e si sale decisamente affrontando il 6° tornante (947m), in corrispondenza del quale si lascia a destra la brevissima diramazione a fondo chiuso per Champrétavy (941m) ed il 7° tornante (1003m).
Dopo l'incrocio (1068m) dove si lascia a destra la diramazione a fondo chiuso per Bressan (1083m) si supera l'ottavo tornante (1101m) in una zona boscosa e dopo il 9° tornante (1148m) si arriva nella conca prativa dove sorgono le baite di Chantel, che si lasciano in alto, e di Rumiod-Dessous.
Dopo il 10° tornante (1230m) si raggiunge Rumiod-la-Chapelle dove all'incrocio (1256m) appena prima della cappella occorre tenere a destra effettuando praticamente l'undicesimo tornante e lasciando a sinistra la diramazione a fondo chiuso per Rumiod-Dessus.
Dopo il 12° tornante (1283m) tra ampie praterie si lascia a destra ad un incrocio (1303m) la piccola frazione Rossan; al ponte sul Torrent de Vetan si passa dal territorio comunale di Saint-Pierre a quello di Saint-Nicolas e dopo aver oltrepassato le baite di Persod (1356m) si raggiunge in piano l'incrocio (1356m) con la strada principale.

La strada principale invece effettua il 6° tornante e sale più scorrevole e con pendenze meno dure oltrepassando un incrocio (965m) dove si lasciano le diramazioni a destra per la sovrastante Evian ed a sinistra per Lyveroulaz.
Si affrontano il 7° tornante (1008m) e l'ottavo tornante (1021m) ai piedi della frazione Gratillon (1052m), alla quale si accede con una diramazione a destra (1041m); si passa (1061m) sotto le poche baite di Ferrère e si percorre un lungo traversone fino a Fossaz (1202m), capoluogo del comune di Saint-Nicolas; a Fossaz non si può tralasciare la deviazione di 700 metri che conduce alla chiesa parrocchiale situata in mirabile posizione panoramica (1216m).
In paese si supera il 9° tornante in pavè e si prosegue per quasi 500 metri fino all'incrocio ben segnalato (1218m) dove si lascia a sinistra il percorso per Vens ed il Col du Mont Joux (1930m); si imbocca la strada regionale 41, si lascia a destra ad un incrocio (1231m) l'accesso alla frazione Chaillod e si percorre un lungo tratto in costa verso est oltrepassando Ravoise (1325m) per arrivare all'incrocio con la strada alternativa presso Persod.

Si prosegue a tracciato unificato effettuando subito l'ampio 10° tornante (1365m) tra i prati (per la numerazione dei tornanti seguiamo la strada regionale); su strada sempre asfaltata e molto ripida e con grandioso panorama sui ghiacciai del Rutor e del Gran Paradiso si affronta l'undicesimo tornante (1392m) presso un'antenna.
Ad un incrocio (1442m) presso la località di Petit Sarriod si lascia a sinistra la strada comunale per Vetan (1671m) e si continua seguendo la strada regionale 41 per Méod e Verrogne a destra.
Si scende sensibilmente al ponte (1426m) sul Torrent de Vetan che scorre in una stretta gola e si riprende a salire affrontando il 12° tornante (1474m) ed il 13° tornante (1483m) per arrivare a Méod (1526m), località formata da case sparse intorno al piccolo nucleo centrale vicino alla chiesetta.
Si continua senza difficoltà nel bosco fino al ponte (1523m) sul Torrent de Méod dove si riprende a salire per aggirare un costone boscoso (1567m); quando si arriva in vista di Verrogne la salita termina ed in falsopiano si raggiunge il ponte (1586m) sul Torrent de Verrogne appena prima del punto culminante
(1587m) in corrispondenza di una carreggiabile lastricata a sinistra.

(Itinerario percorso il 01/06/2019)



Panorama sul ghiacciaio del Rutor salendo verso Saint-Nicolas

Verrogne vista salendo da Aosta

La cappella ed il cartello

Panorama sui monti sopra Aosta

Panorama sui monti dell'alta valle


Per vedere il video di Verrogne clicca


Premi per tornare all'elenco delle salite o clicca per tornare alla HOME Page