PASSO DEL SANTICOLO, 2165m (Bolzano-Tirolo)



Accesso da Vipiteno/Colle Isarco 19,1 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Vipiteno(948)-Colle Isarco(1098) 
A

4,8

150

3,12

Colle Isarco(1098)-Moncucco(1283) 
A

5,6

185

3,30

Moncucco(1283)-Passo del Santicolo(2165) 
N A

11,1

882

7,95

Accesso da Terme di Brennero

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)




Il valico, in tedesco Sandjoch, è situato sullo spartiacque principale alpino, tra l'italiana Valle Isarco e l'austriaca Obernbergtal, laterale della Wipptal, valle che conduce al Passo del Brennero.
Sul versante italiano salgono due strade non asfaltate di origine militare da Colle Isarco e Terme di Brennero, mentre sul versante austriaco solo un sentiero raggiunge il passo dall'Obernberger See (1590m), laghetto posto alla testata della valle e raggiungibile mediante una strada asfaltata fino a Gereit ed a fondo naturale nell'ultimo tratto fino al lago; qualche ciclista coraggioso scende sul versante austriaco percorrendo il tratto iniziale a piedi.

Da Vipiteno/Sterzing (948m) si procede in leggera ascesa tra prati e boschi lungo la strada asfaltata del Brennero mentre la valle si restringe sensibilmente; la pendenza diventa più severa, si affrontano tre ampie gallerie ed in forte salita si arriva a Colle Isarco/Gossensass (1098m), località di soggiorno allo sbocco della valle di Fléres.
All'estremità meridionale del paese si svolta seguendo le indicazioni per la valle di Fléres/Pflerschtal e si scende fino alla stazione ferroviaria, poi si sottopassa la ferrovia e si procede per 1,8 Km in falsopiano nella bella valle chiusa da un grandioso cerchio di montagne.
Si svolta a destra seguendo le indicazioni per Moncucco/Giggelberg e si sale moderatamente fino al sottopasso ferroviario, poi si piega a destra e si sale con pendenza impegnativa nel bosco su tracciato stretto e tortuoso ma asfaltato.
Si esce dal bosco per affrontare un tornante tra i prati e si attraversa il vecchio tracciato della ferrovia del Brennero, dismesso a seguito della costruzione di una variante in galleria.
Dopo 3 duri tornanti tra i prati si raggiungono le baite sparse della località Moncucco di Dentro (1283m) e si raggiunge un incrocio dove occorre lasciare la strada asfaltata che procede diritta in discesa ed imboccare la strada non asfaltata a sinistra.
Il tracciato sale con discreto fondo nel bosco e supera 3 tornanti; nei 2 tornanti a destra si ignorano le carreggiabili a sinistra chiuse da sbarre; si discende leggermente per 450 metri fino ad un ponticello poi si riprende a salire con pendenze molto impegnative.
Ad un incrocio si tiene la strada di sinistra in salita; poco dopo si ignorano due carreggiabili che sbucano a destra a distanza ravvicinata presso un tornante, si affrontano due tornanti e, dopo un ponticello, si incontra un tratto con fondo asfaltato.
Dopo un tornante a fondo naturale si ritrova il fondo asfaltato, si attraversa un ponticello (1760m) e si procede in costa nel bosco con dure pendenze; all'uscita dal bosco termina il fondo asfaltato, si affrontano due duri tornanti tra i prati e si passa sotto alcuni casolari.
In questo tratto tra i prati si gode un ampio panorama sulla conca di Vipiteno e le montagne circostanti; in fondo alla valle si vedono la ferrovia e l'autostrada del Brennero.
Dopo un tratto in costa si supera un tornante a quota 1984m e subito dopo un altro tornante; la pendenza diventa molto ripida ma si incontra nuovamente un vecchio fondo asfaltato che aiuta la pedalata; dopo aver superato una piccola frana senza dover scendere dalla bicicletta si passa davanti ad una caserma abbandonata e si svolta nella conca terminale.
Si individua il passo e si raggiunge uno spiazzo a 400 metri dalla sommità dove sulla destra si innesta il tracciato proveniente da Terme di Brennero; si procede su fondo in terra battuta con alcuni sassi e si ignora la carreggiabile a sinistra, ben presto interrotta da una frana.
Con gli ultimi metri di salita si raggiunge il piazzale di fronte ad una casa con antenna dove la strada termina, 10 metri prima del cippo di confine che indica il valico, aperto tra il Monte S.Lorenzo (2315m) a nord-est e la Cima degli Avvoltoi (2309m) ad ovest.
Si gode un'ampia vista soprattutto sul versante austriaco.

Un'alternativa sul versante italiano è rappresentata dalla vecchia strada militare che parte da Terme di Brennero/Brennerbad (1309m): il tracciato affronta due tornanti ed attraversa alcune gallerie, poi guadagna quota con numerosi tornanti ignorando alcune diramazioni fino a portarsi ad una quota superiore ai 2000 metri ai piedi del Kreuzjoch (2242m).
Il percorso si snoda poi in costa ai piedi del Flachjoch (2124m) e del Monte S.Lorenzo fino ad immettersi sul tracciato sopra descritto a 400 metri dal passo.

(Itinerario percorso il 28/07/2001)



Panorama dal passo sul versante austriaco

Premi per tornare all'elenco dei passi o clicca per tornare alla HOME Page