ALBULAPASS, 2312m (Grigioni)



Accesso da La Punt 9,3 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

La Punt(1687)-Albulapass(2312) 
9,3

625

6,72





Accesso da Tiefencastel 30,5 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Tiefencastel(908)-Alvaneu Bad(957) 
6,0

49

0,82

Alvaneu Bad(957)-Filisur(1032) 

4,0

75

1,88

Filisur(1032)-Bergun(1367) 

7,5

336

4,48

Bergun(1367)-Preda(1789)  

6,5

422

6,49

Preda(1789)-Albulapass(2312)

7,3

53

7,16




Il valico collega l'Engadina alla valle del Reno ed alla parte centrale dei Grigioni mediante una strada asfaltata molto difficile sia per le pendenze che per la tortuosità e ristrettezza della sede stradale; il passo è parallelo ed alternativo al più importante Julierpass (2284m), ma risulta molto meno trafficato in ragione della sua difficoltà.
Sul versante settentrionale il percorso interseca più volte il tracciato della ferrovia retica che unisce St.Moritz e l'Engadina al resto della Svizzera: nella stagione invernale, quando il passo è chiuso per neve, vi viene effettuato il servizio di trasporto auto.
Sul versante meridionale il dislivello è scarso poiché l'Engadina gode già di una quota elevata; i chilometri di salita effettiva sono pochi ma estremamente duri, il percorso risulta sempre esposto al sole.

Sul versante meridionale nel centro di La Punt (1687m) si lascia la strada di fondovalle dell'Engadina con un pericoloso incrocio, presso il quale si trova una bella fontana, ultima occasione per il rifornimento di acqua; la salita comincia subito molto ripida attraversando la ferrovia; dopo il paese si attraversa il torrente su un ponte (1743m) si affrontano numerosi durissimi tornanti fra i prati con bella vista sul'Engadina: i primi 3 tornanti sono ravvicinati ma dopo il 3° tornante (1813m) si incontra un tratto in costa.
Si entra nella Val d'Alvra sempre con pendenza molto severa, si affrontano nel rado bosco il 4°, il 5°, il 6° (1938m) ed il 7° tornante e si corre alti in costa; dopo l'ottavo ed il 9° tornante (2075m) presso l'Alp Aletsch la salita diventa leggermente meno dura.
Dopo 6 chilometri di costante e severa ascesa la strada passa presso un'area di parcheggio base per escursioni a piedi e diventa quasi piana; un ulteriore duro strappo consente di raggiungere (2295m) l'ampia conca che conduce al valico; si prosegue in falsopiano con una breve discesina e si raggiunge senza difficoltà il passo, dominato dall'imponente massiccio dell'Albula (3268m), che domina gran parte della salita; vi sorge un bar-ristorante.

Sul versante settentrionale l'itinerario ha inizio a Tiefencastel (908m), importante nodo di comunicazioni alla base anche del Julierpass (2284m), con una moderata ascesa che consente di superare un promontorio boscoso; si cende per raggiungere Surava (904m) e si risale fino all'incrocio (968m) dove si lascia a sinistra la strada per Davos.
Dopo aver sottopassato la ferrovia si scende per un tratto e si risale moderatamente alla stazione termale di Alvaneu Bad (957m).
Dopo una breve discesa la strada prosegue con struttura di fondovalle presentando tratti di salita, lunghi falsopiani ed anche qualche sensibile discesina; dopo aver attraversato il torrente Landwasser si sale a Filisur (1032m) e si imbocca la valle dell'Albula con lunghi falsopiani.
Si continua nel bosco con pendenza che diventa progressivamente più impegnativa e dopo il 1° tornante (1201m) ed il 2° ravvicinato tornante si penetra con strada ripida e molto tortuosa, tagliata nella viva roccia, nelle gole dell'Albula (1302m), strette e rocciose, ma di breve lunghezza; dopo un breve tratto pianeggiante si raggiunge la verde conca di Bergun/Bravuogn (1367m), principale centro turistico della vallata, e si attraversa l'abitato sul pavè incontrando diverse fontane.
Dopo un breve falsopiano si riprende a salire con forti pendenze e si affronta un tratto di strada molto tortuoso con sede stradale molto stretta che interseca più volte i viadotti della ferrovia che guadagna quota con spirali elicoidali; si attraversa il fiume al Punt Tranter ils Craps (1588m) e lo si riattraversa al Punt Ota (1646m).
Dopo un tornante (1718m) si sovrappassa la ferrovia con uno stretto ponticello e si incontra un tratto di moderata ascesa che conduce a Preda (1789m), località formata da poche case sparse intorno alla stazione situata all'estremità settentrionale del traforo ferroviario.
La strada strada continua a salire ripida dapprima con due tornanti (1862m e 1894m) e poi percorrendo in costa dopo Palpuogna (1915m) una conca di pascoli con il Lai da Palpuogna (1918m), supera un costone ed aggira tortuosa la conca in fondo alla quale sorgono le malghe di Crap Alv (2026m); la strada si snoda poi sempre ripida in mezzo a desolate ed impressionanti pietraie fino ad arrivare al passo.

(Itinerario percorso il 31/07/1992)



In cima al passo con l'Albula sullo sfondo

Premi per tornare all'elenco dei passi o clicca per tornare alla HOME Page