COLLE DI SAN ZENO, 1434m (Brescia)



Accesso da Pisogne 17 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Pisogne(187)-Sonvico(534) 
5,2

347

6,67

Sonvico(534)-Fraine(819) 

3,9

285

7,31

Fraine(819)-Osteria Stella(1046) 
3,4

227

6,68

Osteria Stella(1046)-Colle di San Zeno(1434) 

4,5

388

8,62

Accesso da Lavone 14,5 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Lavone(503)-Pezzaze(615)

2,5

112

4,48

Pezzaze(615)-Colle di San Zeno(1434) 

12,0

819

6,82




Il collega la Valcamonica ad ovest e la Valtrompia ad est mediante un'impegnativa strada asfaltata su entrambi i versanti; il tratto più elevato è stato asfaltato solo nel 2002; occorre prestare attenzione, soprattutto in discesa, ai canali di scolo che si incontrano in alcuni punti del tracciato.

Sul versante camuno il percorso inizia a Pisogne (187m), all'estremità settentrionale del lago d'Iseo; si imbocca la strada di fronte alla stazione, si svolta a sinistra ad una rotonda ed a destra al successivo bivio; presso la chiesa quattrocentesca della Madonna della Neve si inizia a salire con pendenze impegnative e si lascia sulla destra in un ampio tornante la pieve di Santa Maria in Silvis.
Si continua a tornanti dapprima fra le ultime case di Pisogne e poi nel bosco; dopo il 5° tornante si affronta una rampa molto ripida seguita da un tratto che offre un bellissimo panorama sul lago d'Iseo.
Si entra nel bosco e si superano altri 6 tornanti impegnativi ma regolari fino ad un incrocio dove occorre tenere a sinistra; la strada a destra conduce al Passo di Passabocche (1297m); dopo una semigalleria si aggira la testata di una valletta umida e scoscesa e si percorre una breve galleria prima di riaffacciarsi sul lago.
Si raggiungono in splendida posizione panoramica la chiesa ed il cimitero della frazione Sonvico (534m) e si passa tra le poche case, poi si continua con un lungo tratto in costa tra i boschi con ampia vista sulla Valcamonica.
Si passa alti sopra il Santuario della Madonna delle Longhe, raggiungibile solo a piedi con una mulattiera, e si arriva con quattro tornanti a Fraine (819m); presso la chiesa parrocchiale di San Lorenzo si trova una fontanella.
Si continua su strada più stretta e poco frequentata che sale duramente fino alla località di Val Palot, composta da case rurali sparse ed alcune semplici strutture ricettive; in questo tratto la pendenza diventa modesta e consente di rifiatare.
Dopo aver attraversato il torrente si raggiunge l'osteria della Stella (1046m) dove si lascia a destra una strada asfaltata per la pista di fondo e per il Passo di Passabocche e si imbocca a sinistra la strada stretta e ripida che si snoda nel fitto bosco affrontando subito due tornanti.
Dopo un lungo tratto in costa si esce dal bosco e si procede tra i prati con ampia vista sulle montagne della Valcamonica; dopo l'ultimo tornante si affronta un duro tratto che conduce all'ampia sella del valico dove la strada percorre in piano 200 metri fino alla breve rampa alle spalle del Rifugio Piardi dove è possibile rifocillarsi.
Si gode una bella vista soprattutto sul versante camuno e sull'imponente Monte Guglielmo o Golem (1940m) che domina a sud.

Sul versante orientale si parte da Lavone (503m) dove si lascia la strada di fondovalle che percorre la Valtrompia, e si sale su strada asfaltata a Stravignino, capoluogo del comune di Pezzaze (615m); si continua su strada asfaltata nel 2002; dopo la località Aiano (829m) si procede su impegnativo tracciato che sale con diversi tornanti e ripide rampe al valico.

(Itinerario percorso il 26/07/2003)



La sommità del passo

Panorama sul Lago d'Iseo nel tratto iniziale della salita

Premi per tornare all'elenco dei passi o clicca per tornare alla HOME Page