FORTE DI OGA, 1708m (Sondrio)



Accesso da Santa Lucia 7,3 Km SOLO SALITA

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Santa Lucia(1170)-bivio le Motte(1391)

2,8

221

7,89

bivio le Motte(1391)-Oga(1474)

1,5

83

5,53

Oga(1474)-ultimo tornante(1636)

2,0

162

8,10

ultimo tornante(1636)-Forte di Oga(1708)

1,0

72

7,20




Accesso da Fior d'Alpe 8,1 Km SOLO DISCESA

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Fior d'Alpe(1310)-bivio Livigno(1311)

1,2

1

0,08

bivio Livigno(1311)-le Motte(1425)

2,0

114

5,70

le Motte (1425)-bivio Oga(1391)

0,4

-34

-8,50

bivio Oga(1391)-Oga(1474)

1,5

83

5,53

Oga(1474)-ultimo tornante(1636)

2,0

162

8,10

ultimo tornante(1636)-Forte di Oga(1708)

1,0

72

7,20




Il forte, che faceva parte del dispositivo di difesa dell'Alta Valtellina ai tempi della Prima Guerra Mondiale, si trova ai piedi del Monte Masucco (2366m), che chiude ad ovest la conca di Bormio, in alta Valtellina, e risulta raggiungibile mediante una strada asfaltata ma con fondo molto rovinato soprattutto nel tratto conclusivo.
A seguito dell'apertura nel 2016 della galleria della tangenzialina di Bormio che ha spostato il traffico per Livigno da Bormio alla strada per le Motte il percorso deve obbligatoriamente essere affrontato in salita da Santa Lucia ed in discesa dalle Motte perché in senso opposto il transito è vietato alle biciclette.

Il tracciato inizia a Santa Lucia, frazione del comune di Valdidentro, situata sulla strada dello Stelvio all'inizio della conca di Bormio.
Ad un incrocio ben segnalato si lascia la strada per Bormio e si imbocca la strada provinciale che attraversa il fiume Adda sul ponte di Santa Lucia (1170m) ed entra nel centro abitato; presso una cappellina si comincia a salire duramente affrontando i primi 3 tornanti ravvicinati; solo tra il 2° ed il 3° tornante si incontra un tratto più facile.
Dopo circa 700 metri si sbuca con tracciato divenuto a senso unico sulla variante della strada per Livigno all'uscita della galleria, da evitare in bicicletta, lunga 800 metri, che funge da tangenzialina di Bormio, aperta nel 2016, che ha cambiato la viabilità spostando traffico su questo percorso.
Dopo un tratto ripido ed il ponte (1261m) su un torrente si affrontano il 4° ed il 5° tornante ravvicinati; dopo il 6° tornante (1370m) ed il ravvicinato 7° tornante (1376m) si arriva ad un incrocio in corrispondenza dell'ottavo tornante (1391m) presso la località le Motte dove si lascia a destra il tracciato che raggiunge la strada del Passo del Foscagno (2291m) tra Premadio e Isolaccia e si effettua il tornante.
Si passa con pendenza moderata davanti al Santuario della Beata Vergine di Caravaggio (1412m), costruito in splendida posizione panoramica sulla conca di Bormio, ed in breve si arriva con i panoramici 9° tornante (1459m) e 10° tornante (1470m) alla chiesa di Oga (1474m) all'ingresso del centro abitato.
Si procede facilmente fino alla piazza centrale, dove si trova una bella fontana e la strada si impenna proseguendo ripida nella parte alta del paese; in corrispondenza dell'undicesimo tornante (1519m) si ignora la diramazione a sinistra e si continua ripidamente tra le moderne costruzioni presenti sopra il centro abitato di Oga.
La pendenza diventa meno dura e dopo il 12° tornante si entra nel bosco; si prosegue faticosamente e si affronta il 13° ed ultimo tornante (1636m).
Dopo un duro tratto nel bosco nel finale la pendenza diminuisce e si sbuca nella radura dove la strada asfaltata termina tra un ristorante e la stazione di partenza di una seggiovia (1708m) appena prima del ponticello d'accesso al Forte di Oga (ex Forte Venini).
La posizione di arrivo risulta meno panoramica rispetto al tracciato perché circondata da boschi; si gode una bella vista solo su Bormio 3000 – Cima Bianca.

Per la discesa occorre svoltare a sinistra verso Livigno all'ottavo tornante (1391m) salendo duramente per 400 metri fino alla località le Motte (1425m) dove si trovano ampi parcheggi presso la stazione di partenza di una seggiovia.
Si scende decisamente fino al ponte sul torrente Viola ed all'incrocio (1311m) sulla strada statale 301; svoltando a destra si procede verso Bormio mentre a sinistra ci si dirige verso Isolaccia e Livigno; se si procede verso Bormio all'incrocio (1310m) in località Fior d'Alpe si può scegliere se seguire la strada statale oppure svoltare a destra, attraversare Premadio e prima della chiesa di San Gallo imboccare a destra la pista ciclabile che riconduce a Santa Lucia.

(Itinerario percorso il 5 agosto 2019).



L'ingresso del Forte di Oga



Panorama su Bormio 3000 - Cima Bianca



Premi per tornare all'elenco delle salite o clicca per tornare alla HOME Page