BIELMONTE, 1488m (Biella)



Accesso da Biella 31,6 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Biella-Chiavazza(391)-Andorno Micca(544)
5,2

153

2,94

Andorno Micca(544)-Sagliano Micca(589)
1,3

45

3,46

Sagliano Micca(589)-Balma(700)

4,0

111

2,77

Balma(700)-Campiglia Cervo(788) 

2,3

88

3,83

Campiglia Cervo(788)-Valmosca(865) 

1,7

77

4,53

Valmosca(865)-Bocchetta di Sessera(1372)

13,6

507

3,73

Bocchetta di Sessera(1372)-Bielmonte(1488)

2,3

116

5,04

pianoro di Bielmonte 

1,2

-

-





Accesso da Borgosesia 31,5 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Borgosesia(353)-Crevacuore(377)

6,0

24

0,40

Crevacuore(377)-Coggiola(460) 

6,5

83

1,27

Coggiola(460)-Portula(634)

4,0

174

4,35

Portula(634)-Lora di Trivero(755) 

2,0

121

6,05

Lora di Trivero(755)-Bocchetta di Stavello(1206)

5,8

451

7,78

Bocchetta di Stavello(1206)-Bocchetta di Margosio(1332) 

2,8

126

4,50

Bocchetta di Margosio(1332)-Bocchetta di Luvera(1293) 

1,4

-39

-2,79

Bocchetta di Luvera(1293)-Bielmonte(1488)

3,0

195

6,50




La località turistica è situata sulle Prealpi biellesi e risulta accessibile mediante la ex strada statale N. 232, Panoramica Zegna, che si snoda tra le valli del Cervo e del Sessera mantenendosi sempre a sud della dorsale fra le due valli culminante nel Monte Marca (1625m).
Il percorso, come intuibile dalla sua denominazione, risulta molto panoramico e presenta nei giorni limpidi una splendida vista sulla pianura piemontese e le Prealpi e, in corrispondenza delle aperture verso nord, una grandiosa visione sul vicinissimo Monte Rosa nella sua maestosità.

Sul versante occidentale dal centro di Biella (420m) si attraversa il ponte sul torrente Cervo e si tiene a sinistra alla rotonda in frazione Chiavazza (391); si inizia a salire moderatamente nella stretta valle boscosa oltrepassando la frazione di Pavignano (474m); la valle si apre nella bella conca di Andorno Micca; ad una rotonda (516m) all'inizio del paese si può scegliere se tenere a sinistra e percorrere la circonvallazione oppure proseguire diritti attraversando il centro del paese (544m); alla fine del centro abitato i tracciati si ricongiungono prima di attraversare Sagliano Micca (589m).
Si continua con salita moderata e tratti in falsopiano mentre la valle diventa più alpestre ed appaiono le montagne che chiudono la valle; dopo la frazione Balma (700m) si attraversa con fondo in pavè il comune di Campiglia Cervo (788m).
Ad un incrocio (865m) nella frazione di Valmosca si svolta a destra seguendo le indicazioni per Bielmonte, si abbandonano il fondovalle del Cervo e la strada che lo percorre e si biforca poco dopo al Ponte Concresio dove inizia la ripida ascesa al Colle della Colma-Galleria Rosazza (1488m).
Si imbocca la strada provinciale 115 e si affronta subito il 1° tornante; si transita alla base (921m) della frazione Forgnengo, si oltrepassa la frazione Piaro (987m) e si ignora a destra ad un incrocio (1024m) la diramazione a fondo chiuso per Sassaia.
Si sale in costa con pendenza in alcuni punti sensibile ma anche con diversi tratti di falsopiano aggirando le numerose vallette ed i costoni del lato orientale della valle del Cervo; la vista si apre sempre più verso la pianura; il traffico nei giorni feriali è molto scarso ed il bosco è bello ed ombroso; ad un incrocio (1115m) si lascia a destra la diramazione che scende ad Orio Mosso.
Con pendenza moderata si aggira un vallone punteggiato di casolari rurali sparsi e si incontra il Piazzale Erica (1219m), punto di base per escursioni a piedi con spazio di parcheggio di fronte all'imbocco della pista per La Goz-Teggié Musin.
Si supera la Sella del Cucco (1262m) e si procede in facile ascesa tra i prati in ambiente molto aperto e panoramico fino alla Bocchetta di Sessera (1372m), dove sorge un bar-ristorante presso la stele che ricorda la costruzione della strada, dovuta al mecenatismo del Conte Ermenegildo Zegna.
Dalla Bocchetta di Sessera scende nella valle del torrente Sessera una strada non asfaltata che consente l'accesso ad alcuni alpeggi isolati ma non presenta alcuno sbocco.
Si continua lungo la strada provinciale 232 sempre sul versante meridionale e di affronta l'unico tratto ripido che conduce a Bielmonte (1488m), località sciistica in bella posizione alle pendici del Monte Marca (1625m); al di fuori delle principali stagioni turistiche il luogo è molto solitario e gli esercizi commerciali e turistici restano chiusi.

Sul versante orientale si è definito come punto di partenza Borgosesia, ma nel tratto iniziale fino a Lora di Trivero, dove inizia la salita vera e propria, ci sono molte alternative.
Da Borgosesia (353m) si procede verso ovest senza difficoltà superando Crevacuore (377m); poco dopo si svolta a destra abbandonando la valle del torrente Ponzone e si arriva senza difficoltà a Coggiola (460m).
Con salita moderata ma tortuosa si raggiungono Portula (634m) e la frazione Lora (755m) di Trivero, comune sparso in una bella conca con numerose fabbriche tessili.
Ad una rotonda si imbocca la "Panoramica Zegna" che sale con ripidi e stretti tornanti presentando una bella vista sulla conca di Trivero; si continua in una zona di boschi allietati da una splendida fioritura primaverile e dopo il 5° tornante (913m) ed il vicino 6° tornante (934m) si supera il Colle Craviolo (940m).
Dopo il 7° tornante (1021m) si valica la Bocchetta di Caulera (1070m); con un tratto di ripida pendenza si raggiunge l'ottavo tornante (1166m), in corrispondenza del quale si lascia a destra una diramazione a fondo naturale sbarrata per la vicina Bocchetta di Pontiggie (1176m), ed in forte salita nel fitto bosco si arriva alla Bocchetta di Stavello (1206m) dove si trova un ampio piazzale-parcheggio.
Si procede in forte ascesa e dopo la Chiesetta Alpina ad un incrocio (1285m) si lascia a destra una carreggiabile che conduce alla Bocchetta di Rubello (1333m) ed al Santuario di San Bernardo; si transita ai piedi di un gran numero di ripetitori installati sulle pendici del Monte Rubello (1412m) e si arriva alla Bocchetta di Margosio (1332m), dove si apre un grandioso panorama sul Monte Rosa.
Rimanendo sempre sul versante meridionale si affronta un tratto in leggera discesa che conduce alla Bocchetta di Luvera (1293m), aperta anch'essa verso la valle del Sessera.
Si riprende a salire e si attraversano due gallerie illuminate, la prima più stretta e la seconda più larga e recentemente ristrutturata; si continua a salire con forte pendenza in ambiente roccioso e selvaggio fino a raggiungere l'inizio del grande piazzale di parcheggio di Bielmonte, dove la strada diventa pianeggiante .

(Itinerario percorso il 01/06/1991)



Bielmonte in alto al centro vista dalla pianura

Premi per tornare all'elenco delle salite o clicca per tornare alla HOME Page