BASSA SOVRANA DI MARGHERIA, 2079m (Cuneo-Alpes Maritimes)



Accesso da Colle di Tenda 5 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Colle di Tenda (1871)-bivio Peirafica(1901)
N A

0,6

30

5,00

bivio Peirafica(1901)-Bassa Sovrana di Margheria(2079)
N A

4,4

178

4,05




Il passo, denominato anche Bassa della Pera, si trova sullo spartiacque tra la valle del Roia a sud e la Val Vermenagna a nord e risulta raggiungibile mediante una carreggiabile non asfaltata che segue il crinale tra le due valli a partire dal Colle di Tenda e che si riduce spesso a sentiero quasi sempre ciclabile.
Il tracciato segue lo spartiacque tra le due valli; i cippi che indicano il confine italo-francese sono tutti sul bordo della strada sul lato italiano per cui il percorso resta sempre in territorio francese sia pure per pochi metri.

Dal Colle di Tenda (1871m), storico passaggio tra il Cuneese e la costa ligure e nizzarda, si imbocca la strada a fondo naturale che si dirige verso ovest in forte e dissestata ascesa; dopo un tornante ed un curvone con ampia vista verso nord si percorre un tratto di falsopiano per arrivare ad un incrocio.
Si lascia a sinistra il percorso per il Col de Peirafica (2028m), si supera la sbarra che impedisce il transito dei veicoli a motore e si affrontano 10 tornanti lungo il tracciato della vecchia rotabile militare ormai in parte invaso dalla vegetazione e ristretto ad un buon sentiero sempre ciclabile con pendenze regolari.
Dopo il 10° tornante si lascia a sinistra la diramazione che termina alla Cima di Forte Pernante (2117m), dove sorge uno dei 6 forti che difendevano il Colle di Tenda; si tiene quindi a destra in falsopiano alternando tratti nel bosco dove la carreggiabile si riduce a sentiero sempre comunque ciclabile ad altri tra i prati dove la carreggiabile risulta ancora ampia e comoda.
Si raggiunge un passaggio innominato a quota 2080m alle pendici settentrionali della Cima di Salauta (2176m), individuabile dalla grande croce sulla vetta, e si passa in un altro dei valloni terminali della Valle Vermenagna; di fronte appare maestosa la Rocca dell'Abisso (2755m).
Il percorso si riduce ad un sentiero in alcuni punti esposto ma sempre ciclabile, scende leggermente e poi prosegue quasi in piano superando alcuni boschetti. 150 metri prima del passo il tracciato è pieno di pietre a causa di una frana e per una decina di metri occorre spingere la bicicletta; di nuovo in sella si percorre con sicurezza l'ultimo tratto e la brevissima rampetta che raggiunge il passo, dove sorge il cippo di confine N.182; la sella è aperta fra il Monte Becco Rosso (2130m) a nord e la Cima di Forte Giaura (2254m) a sud.

La carreggiabile continua dissestata con alcuni tornanti fino al forte, ma non risulta ciclabile.
Il panorama verso ovest si rivolge alla vicina Rocca dell'Abisso ed alla sua impressionante parete orientale, mentre verso oriente è molto vasto e spazia sul Colle di Tenda e su tutte le cime che lo circondano.

(Itinerario percorso il 17/08/2005)



La sommità del valico La sommità del valico

Premi qui per tornare all'elenco dei passi o clicca Home Page per tornare alla HOME Page