VIZANPASS, 2075m (Grigioni)



Accesso da Sufers 6,5 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Sufers(1429)-Foppa(1870) 
A
4,3

441

10,26

Foppa(1870)-cartello Lai da Vons(1970)
A

0,9

100

11,11

cartello Lai da Vons(1970)-fine asfalto(2030)
A
0,7

60

8,57

fine asfalto(2030)-Vizanpass(2075) 
N A

0,6

45

7,50

Accesso da Andeer 10,9 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Andeer(981)-Mulegn(979) 
A

0,5

-2

-0,40

Mulegn(979)-tornante bivio Promischur(1640)
N A

5,9

661

11,20

tornante bivio Promischur(1640)-Pastgaglias(1844)
A

2,0

204

10,20

Pastgaglias(1844)-Vizanpass(2075) 
N A

2,5

231

9,24





Il passo collega due vallette laterali della valle dell'Hinterrhein mediante una strada molto ripida e molto stretta con il tratto superiore non asfaltato; fra Sufers ed Andeer ci sono solo una decina di chilometri di fondovalle per cui l'itinerario circolare risulta facilmente realizzabile; sembra che storicamente il valico sia senza un nome e che il toponimo Vizanpass sia stato inventato dall'estensore della relativa scheda sul sito www.salite.ch prendendo spunto dal Piz Vizan (2471m), che risulta la vetta più elevata nelle vicinanze, ma visto che per i ciclisti ormai vale questo riferimento utilizziamo tale toponimo anche in questa sede; sul versante meridionale il percorso asfaltato è schedato come Lai da Vons (2030m); poiché nessun cartello riporta il toponimo Vizanpass occorre sempre seguire le indicazioni per il Lai da Vons; il traffico è scarsissimo ma bisogna prestare attenzione all'incrocio con i trattori perchè la sede stradale è strettissima.

Presso lo svincolo dell'autostrada di Sufers sulla sponda settentrionale dell'omonimo lago artificiale si lascia la strada cantonale e si imbocca la strada ben segnalata che in 200 metri conduce al centro di Sufers, paese che si trova in posizione leggermente elevata rispetto al lago ed alle due arterie che lo costeggiano.
Dopo aver superato la posta ed il municipio si supera un primo quadrivio presso una fontana e si svolta a destra all'incrocio subito successivo; presso un'altra fontana dopo pochi metri si piega leggermente a sinistra e si comincia a salire passando presso una stalla; si raggiunge rapidamente il primo tornante dove si ignora la diramazione a destra e si continua in forte ascesa tra i prati affrontando il secondo tornante dopo il quale si gode un ampio panorama sul lago e la valle prima di entrare nel bosco con pendenza che diventa ancora più dura.
Si incontrano diversi punti in cui sul lato valle l'asfalto è sparito ed è stato sostituito da terra e sassolini, comunque risulta sempre possibile pedalare restando verso monte sull'asfalto data la scarsissima quantità di traffico sul percorso; si continua in ripida ascesa superando altri due tornanti; dopo il 4° tornante si incontrano una galleria di 80 metri scavata nella roccia con il fondo bagnato per le infiltrazioni di acqua ed un tratto di circa 200 metri in cui l'asfalto è quasi scomparso a causa di una frana ma comunque si riesce a stare in sella anche con una bicicletta da corsa.
Si ritrova un buon asfalto, si percorre un ponticello sul torrente emissario del lago che scende formando diverse cascatelle, si affronta il 5° tornante e si percorre un tratto alto sulla profonda gola dove scorre il torrente, che si riattraversa appena prima di uscire dal bosco in ampie ma ripide praterie; si raggiungono le baite di Foppa (1870m) presso il 6° tornante, poi si affrontano gli ultimi due durissimi tornanti tra i prati e si raggiunge una palina segnaletica (1970m) con la scritta Lai da Vons e le indicazioni per raggiungere il lago in pochi minuti a piedi lungo un sentierino non ciclabile neanche in mountain-bike.
Si continua a salire raggiungendo una casa (1991m), dove si dirama una sterrata a destra, e con pendenza solo leggermente meno dura si effettua un ampio curvone a destra tra i prati; si incontrano 140 metri pianeggianti di ottimo sterrato tranquillamente ciclabile con qualsiasi bicicletta prima dell'ultima ripida rampa di 150 metri che conduce al termine della strada asfaltata (2030m) presso una costruzione rurale in legno.
Il lago non è visibile perché nascosto da un dosso erboso; per poterlo vedere bisogna continuare lungo la sterrata in falsopiano per circa 200 metri finché lo specchio lacustre appare sulla destra in un grandioso scenario montano dove spiccano verso sud il Suretta (3027m) ad est ed il Pizzo Tambò (3275m) ad ovest; la strada sterrata presenta un incrocio : a sinistra si dirige verso la Cufercalhutte (2385m) mentre proseguendo diritti una ripida breve rampa conduce al vicino Vizanpass(2075m).

Sul versante settentrionale si parte da Andeer (981m): si lascia la strada cantonale e si entra nel paese percorrendo per 380 metri le strade interne in pavè fino ad un incrocio presso una fontana dove si trovano numerosi cartelli indicatori; si seguono le indicazioni per Lai da Vons e Pastgaglias e si imbocca la prima strada dopo la fontana che procede in diagonale per raggiungere un pittoresco ponte in legno che si attraversa per arrivare in località Mulegn (978m); se si vuole procedere su asfalto si segue la strada a sinistra che costeggia il fiume e tiene a destra ad un incrocio per poi salire con forti pendenze nel bosco; in alternativa si ignora la strada a sinistra e si piega a sinistra poco più avanti seguendo i cartelli indicatori per imboccare una ripida stradina con buon fondo naturale che si inerpica nel bosco, dopo la prima rampa piega a destra presso una costruzione in legno, supera un tornante e sbuca sulla strada asfaltata dopo 400 metri.
Si segue in forte salita la strada asfaltata; dopo una bella fontana presso una piccola area di sosta si affronta un tornante in corrispondenza del quale si lascia a destra una diramazione a fondo naturale per Cagliatscha; si continua con un lungo tratto in costa dapprima nel bosco e poi in una zona rocciosa dove il tracciato è arditamente ricavato su pareti strapiombanti con bel panorama sulla sottostante Andeer ed i monti della vallata.
Dopo il successivo tornante si continua in ripida ascesa nel bosco, si attraversano alcuni punti rocciosi sfiorando gli strapiombi e si arriva al 4° tornante (1640m), dove occorre scegliere tra la salita diretta a sinistra oppure il tracciato più lungo a destra che passa per Promischur e si ricollega nel finale; prendendo a sinistra si procede ancora per un tratto nel bosco, poi si costeggiano ampi prati dove sorgono due costruzioni e si affronta il 5° tornante presso le baite di Cazun; subito dopo si tiene a destra ad un incrocio, si esce dal bosco e si raggiunge ancora su strada asfaltata in ripida ascesa Pastgaglias (1844m); si ignora una stradina asfaltata che scende a destra e si raggiunge l'incrocio (1963m) dove termina il tratto asfaltato ed a destra confluisce il tracciato a fondo naturale proveniente da Promischur.
Si continua a sinistra con dura pendenza su buon fondo naturale che in alcuni punti presenta addirittura tracce di vecchio asfalto; il tracciato si snoda esposto al sole tra i prati ai piedi del Piz Vizan (2471m) con ampio panorama sui monti della vallata; dopo aver superato un costone appare l'antenna che si erge presso il valico; si affrontano due rampe molto ripide seguite da tratti facili che consentono di rifiatare; quando mancano solo 330 metri al passo si lascia a sinistra una carreggiabile che alternando tratti facili e strappi ripidi raggiunge in 430 metri la costruzione ai piedi dell'antenna; con l'ultima dura rampa si raggiunge il valico dove non sorge nulla, neanche un cartello indicatore.

(Itinerario percorso il 10/09/2011 salendo da Andeer e scendendo a Sufers).



Sufers e la parete dove si inerpica la strada

Panorama durante la salita sulla valle con il Pizzo Tambò a sinistra e l'Adula a destra

La fine della strada asfaltata con il Pizzo Tambò sullo sfondo

Panorama sul Lai da Vons con il Suretta sullo sfondo

La rampa finale che conduce al Vizanpass sul crinale

L'ultimo tornante, il Lai da Vons ed il Suretta

Panorama sulla zona del passo dal tracciato per la Cufercalhutte

La sommità del valico con panorama verso nord

Premi per tornare all'elenco dei passi o clicca per tornare alla HOME Page