CIMA DI PLOSE, 2504m (Bolzano)



Accesso da Bressanone 26,6 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Bressanone(559)-Millan(569)
A
1,0

10

1,00

Millan(569)-2° tornante(722)
A
2,3

153

6,65

2° tornante(722)-Sant'Andrea in monte(958) 
A
3,6

236

6,56

Sant'Andrea in monte(958)-Eores(1505) 
A

7,0

547

7,81

Eores(1505)-Plancios(1693)  
A
3,0

188

6,27

Plancios(1693)-7° tornante(1789)
A
1,4

96

6,86

7° tornante(1789)-10° tornante(1940)
A
2,0

151

7,55

10° tornante(1940)-Valcroce(2012) 
A

1,4

72

5,14

Valcroce(2012)-12° tornante(2160)
N A

1,4

148

10,57

12° tornante(2160)-Forcella Luson(2371)
N A

2,0

211

10,55

Forcella Luson(2371)-Rifugio Plose(2446)
N A

0,8

75

9,37

Rifugio Plose(2446)-Cima di Plose(2504)
N A

0,7

58

8,29




La Cima di Plose (2504m), o Monte Telegrafo, è la montagna che sovrasta Bressanone e risulta molto ben visibile dalla valle dell'Isarco; il rifugio Plose del C.A.I. (2446m), situato poco sotto la vetta, risulta accessibile mediante una lunga strada, che risulta non asfaltata nell'ultimo durissimo tratto dopo Valcroce, dove arriva la cabinovia, ed è posto al centro di un importante comprensorio sciistico; dal rifugio una carreggiabile sempre ciclabile continua fino alla vetta.
Il percorso risulta estremamente impegnativo per il forte dislivello superato in 26,6 Km di salita ripida e continua ma anche il tratto sterrato è sempre ciclabile; chi non volesse affrontare l'intero percorso può utilizzare la cabinovia da Sant'Andrea in Monte a Valcroce.

Ad una rotonda ben segnalata per Plose, Sant'Andrea ed Eores nel centro di Bressanone/Brixen (559m) si imbocca il Viale Mozart, si oltrepassa un semaforo e seguendo un tratto di pista ciclabile si percorre il ponte sull'Isarco, fiume lungo il quale si snoda la pista ciclabile che collega Bolzano al Brennero.
Dopo il ponte la pista ciclabile termina e si segue la strada che piega a destra continuando senza difficoltà tra le case della frazione Millan/Milland (569m); un chilometro dopo la rotonda si comincia a salire moderatamente incontrando a sinistra una fontana prima di una strettoia.
Al termine del centro abitato la salita diventa molto impegnativa ed il tracciato entra nel bosco affrontando il 1° tornante; dopo il 2° tornante (722m) si attraversa una zona di praterie e dopo il 3° tornante si gode un ampio panorama sulla conca di Bressanone e le montagne circostanti; a nord svetta il Gran Pilastro (3510m) con i suoi ghiacciai.
Si supera il bivio per Cleran/Kleran e dopo il bivio per Meluno/Mellaun si incontra un breve tratto facile fino al fondo di una valletta dove la salita riprende molto impegnativa per arrivare dopo il 4° tornante a Sant'Andrea in Monte/St.Andra (958m), in soleggiata ed amena posizione panoramica; lungo la stradina laterale a sinistra tra le case appena prima della chiesa si trova una bella fontana; si continua in dura ascesa e dopo aver lasciato a sinistra la diramazione per la stazione della cabinovia per Plose si entra in uno splendido bosco nel quale si procede per alcuni chilometri.
Ad una curva si esce dal bosco puntando ad est nella Valle di Eores ed appare il grandioso spettacolo dei denti aguzzi delle Odle; si continua faticosamente tra i prati passando sotto la chiesa di San Giacomo/St.Jacob (1343m); tra prati e boschi si raggiunge Eores/Afers (1505m); con due tornanti si sale sopra il paese e si affronta un lungo tratto in costa leggermente meno impegnativo che conduce in località Plancios (1693m), dove sorgono alcuni alberghi e si incontra un incrocio.
Si lascia a destra la strada asfaltata che continua per il Passo di Eores (1863m) ed il Passo delle Erbe (2004m) e discende in Val Badia e si svolta a sinistra; dopo 100 metri si tiene ancora a sinistra lasciando a destra la strada asfaltata che conduce in 3 chilometri all'albergo alpino Plancios/Palmschoss (1911m) ed agli impianti di risalita di questo settore; a questo incrocio si trova l'unico cartello con la scritta Valcroce.
Il percorso continua con pendenza moderatamente impegnativa nel bosco affrontando il 7° tornante (1789m); dopo un albergo in bella posizione panoramica si affronta l'ottavo tornante (1854m), seguito da una ripida ma breve rampa; si procede con pendenza regolare e si affrontano il 9° tornante (1884m) ed il 10° tornante (1940m) sul lato meridionale della montagna.
Si aggira la montagna con pendenza moderata riportandosi sul versante sopra Bressanone e si arriva all'undicesimo ed ultimo tornante in vista della stazione di arrivo della cabinovia; si ignora la diramazione a sinistra solo inizialmente asfaltata e si continua con l'ultima rampa che raggiunge un albergo-ristorante appena prima del termine dell'asfalto in splendida posizione panoramica.
La strada sterrata per Plose continua diritta ignorando i sentieri a destra e sinistra e poco dopo si esce dalla zona boscosa per rimanere sempre esposti al sole; il tracciato si snoda tra i pascoli ripido e tortuoso con ottimo fondo naturale, anche se bisogna sempre prestare molta attenzione alle canaline di scolo trasversali, e splendido panorama sulle Odle e raggiunge il 12° tornante (2160m) sinistrorso, in corrispondenza del quale si ignora la diramazione a destra per la Rossalm (2200m), molto frequentata da pedoni e ciclisti che raggiungono il rifugio che vi sorge.
Si continua con dure pendenze e fondo leggermente meno bello e si affronta l'ampio 13° tornante tra i prati; poco dopo si aggira il crinale che scende da un dosso sul quale si trova la stazione di arrivo di una seggiovia ed appaiono il rifugio Plose in alto e la Forcella Luson di fronte.
In forte salita si arriva al 14° tornante ai piedi della Forcella Luson/Lusner Scharte (2371m), valico fra la Cima di Plose ad ovest ed il Monte Fana Grande (2545m), presso il quale arriva una seggiovia alla cui stazione di arrivo sale la carreggiabile che si lascia a destra; per raggiungere l'esatta sommità del valico occorre svoltare a destra e percorrere per 100 metri pianeggianti la carreggiabile per poi spingere la bicicletta per 20 metri su una parete erbosa fino alla staccionata in legno che protegge verso il ripido versante che precipita in Val Luson.
Dal tornante si prosegue in ripida ascesa fino a portarsi sotto al rifugio dove si affronta il 15° tornante; subito dopo si supera il 16° ed ultimo tornante e si passa tra la stazione di arrivo di una seggiovia a sinistra ed un gruppo di antenne a destra; con 60 metri di discesa si arriva al rifugio Plose (2446m) dal quale si gode un ottimo panorama verso le Dolomiti.
Sulla destra si trova una lunga staccionata con un varco presso le antenne dal quale si imbocca la carreggiabile ben ciclabile che si snoda lungo il crinale superando un 'altra antenna; presso gli edifici della vecchia base radar in disuso (2486m) si affronta l'ultima breve rampa che consente di accedere all'ampio pianoro sommitale erboso della Cima di Plose o Monte Telegrafo (2504m) che si estende per 200 metri fino all'estremità settentrionale dove si trova una tavola di orientamento.
Il panorama è straordinario e spazia a 360°, disturbato solo dalle antenne, estendendosi dalla Presanella all'Ortles, alle Alpi Passirie, alle montagne sul confine con l'Austria con il Gran Pilastro a nord e fino al Grossglockner in territorio austriaco; si osserva il solco della Val Pusteria con il massiccio del Plan de Corones; separate dal solco della Val Luson si trovano vicine le altre maggiori vette del massiccio di Plose, il Monte Gabler (2576m), il Monte Forca Grande (2561m) ed il Monte Fana (2545m); verso sud si ammirano le Dolomiti con il Monte Pelmo in distanza, le Odle, il Sassolungo, lo Sciliar e tante altre cime; 2000 metri più in basso si vede la valle dell'Isarco.

(Itinerario percorso il 30 agosto 2017)



Grandioso panorama sulle Odle da Valcroce

Il punto in cui termina la strada asfaltata ed inizia la sterrata per Plose

Valcroce ed il punto in cui inizia la sterrata visti dopo il 12° tornante

L'ultimo tratto che conduce in vetta; a sinistra l'ex base radar

L'ultimo tratto visto dall'alto con il rifugio a destra ed Odle e Sassolungo sullo sfondo

L'ampia spianata sommitale vista al termine dell'ultima rampa

In vetta con le antenne e le Dolomiti alle spalle

Panorama sul versante nord con il Gran Pilastro ed il suo ghiacciaio sullo sfondo



Per vedere il video delle Dolomiti dal rifugio Plose clicca




Per vedere il video di Valcroce clicca


Premi per tornare all'elenco delle salite o clicca per tornare alla HOME Page