CREVACOL - ARP DE JEU, 2000m (Aosta)



Accesso da Aosta 24,9 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Aosta(583)-Signayes(724)
3,0

141

4,70

Signayes(724)-Variney(782)

1,5

58

3,87

Variney(782)-Gignod(988) 

3,5

206

5,88

Gignod(988)-Condemine(1136) 

2,4

148

6,17

Condemine(1136)-La Clusaz(1202)

1,9

66

3,47

La Clusaz(1202)-Echevennoz(1233)

1,8

31

1,72

Echevennoz(1233)-Etroubles(1265)  

2,1

32

1,52

Etroubles(1265)-Saint-Oyen(1373) 

1,4

108

7,71

Saint-Oyen(1373)-bivio traforo(1505) 

2,2

132

6,00

bivio traforo(1505)-Saint-Léonard(1519)

0,4

14

3,50

Saint-Léonard(1519)-tornante 1828

3,1

309

9,97

tornante 1828-Arp de Jeu(2000)

1,6

172

10,75




Il toponimo Crevacol denomina la Testa Crevacol (2605m) ed il Col Crevacol (2489m), situati nell'alta valle del Gran San Bernardo nel comune di Saint-Rhémy-en-Bosses; è stato poi esteso per indicare il comprensorio sciistico realizzato sul versante meridionale della montagna; l'alpeggio di Arp de Jeu - Alpe della Gioia si trova al centro del comprensorio ed è raggiunto da una ripida strada asfaltata poco frequentata che si distacca dal tracciato che conduce al Colle del Gran San Bernardo (2473m).

Da Aosta (583m) si comincia a salire con sensibile pendenza e numerose curve tra case e frutteti con bella vista sul capoluogo e le montagne che lo circondano; dopo Signayes (724m) la strada si allarga e sale in un'ampia conca dominata dal Gran Combin (4314m); si supera lo svincolo con la moderna variante in galleria, naturalmente interdetta alle biciclette, che raggiunge direttamente il casello autostradale di Aosta.
Dopo aver oltrepassato Variney (782m) si sale moderatamente su strada abbastanza agevole; dopo un tornante si può scegliere se seguire a destra la vecchia strada meno trafficata e più tortuosa oppure il moderno tracciato che si snoda ampio con un altro tornante ed una breve galleria; i due tracciati si riuniscono a Gignod (988m), poi la valle piega verso nord-ovest e si continua in sensibile salita toccando Condemine (1136m) e La Clusaz (1202m), antico posto di guardia a sbarramento della valle; si procede più agevolmente per Echevennoz (1233m) e quasi in piano per Etroubles, dove la strada si restringe ed assume connotati da vera strada di montagna.
Dopo
aver attraversato il torrente su un ponte (1265m) e lasciato sulla destra una fontana sotto una tettoia si sfiora l'abitato con due tornanti (1271m e 1274m) e si affronta un tratto con pendenza fino al 10% per raggiungere Saint-Oyen (1373m), dove si trova un'altra fontana; si continua con pendenza impegnativa e si percorre la breve galleria artificiale Flassin (105 metri).
Quando si arriva all'incrocio (1505m) in cui la strada del Colle del Gran San Bernardo si separa dalla strada che conduce all'imbocco del traforo bisogna percorrere quest'ultima ancora per 400 metri seguendo le indicazioni per Saint-Rhémy-en-Bosses e Crevacol ed attraversando il Vallone del Gran San Bernardo su un moderno ed ardito viadotto.
Quando si arriva in un ampio spiazzo si svolta a destra seguendo le indicazioni per Saint-Rhémy-en-Bosses mentre si devono ignorare le indicazioni per Crevacol che conducono alla stazione di partenza della seggiovia di cui noi dobbiamo invece raggiungere la stazione di arrivo !
Dopo aver lasciato la strada del traforo si arriva a
Saint-Léonard (1519m), capoluogo del comune di Saint-Rhémy-en-Bosses, ma non si entra nel centro del paese perché si svolta subito a destra seguendo i cartelli per il ristorante Arp de Jeu; dopo un tornante si passa nella parte alta del paese e si esce dal centro abitato con pendenza che diventa molto dura.
Quando la strada sembra spianare si deve svoltare a destra in ripida ascesa ed ignorare subito dopo la diramazione a sinistra per Cuchepache; si affronta un tornante in località Merloz e si procede con un lungo tratto in costa sfiorando sulla sinistra le poche case di Thuillettaz; subito dopo aver sottopassato la strada del traforo si lascia a destra una diramazione per Ronc (1755m), poi si procede sempre in ripida ascesa tra ampi pascoli con bella vista sull'alta valle del torrente Artanavaz che si apre in una bella conca dominata da cime di altezza superiore ai 3000 metri.
Dopo il tornante a quota 1828m si continua fra i pascoli individuando in alto le costruzioni dell'Arp de Jeu; a 1 Km dall'arrivo si entra nel bosco, si affronta l'ultimo tornante e si perviene sempre in dura ascesa al vasto e panoramico piazzale sterrato che funge da parcheggio e che si trova poche metri sopra il bar-ristorante e le costruzioni dell'alpeggio (1995m); la località è punto di arrivo di una seggiovia e punto di partenza di un'altra seggiovia che serve le piste a quota superiore.
Sulla destra inizia la strada sterrata che sale al Col Crevacol (2489m), dal quale si può salire per sentiero alla Testa Crevacol (2605m), spettacolare punto panoramico.

(Itinerario percorso il 05/09/2009)



Il piazzale di arrivo e l'Arp de Jeu

Il Col Serena sull'opposto versante della valle

Premi per tornare all'elenco delle salite o clicca per tornare alla HOME Page