TAMPA COLLETTA, 2040m (Cuneo)



Accesso da Paesana 19,7 Km

Stato

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Paesana(614)-Calcinere(731)
A

3,5

117

3,34

Calcinere(731)-Ponte Laità(904)
A

2,8

173

6,18

Ponte Laità(904)-bivio Crissolo(1139)
A

3,3

235

7,12

bivio Crissolo(1139)-Ciampagna(1355)
A

2,7

216

8,00

Ciampagna(1355)-Case Ambornelli(1610)
 A

2,4

255

10,62

Case Ambornelli(1610)-bivio Prà Mori(1810)
N A

1,6

200

12,50

bivio Prà Mori(1810)-Alpe Maiassole(1899)
N A

0,9

89

9,89

Alpe Maiassole(1899)-le Roccette(2015)
N A

1,5

116

7,73

le Roccette(2015)-Tampa Colletta(2040)
N A

1,0

25

2,50




L'alpeggio, denominato Tampa Colletta o Pian delle Fontane, si trova sul versante settentrionale dell'alta valle del Po nel territorio del comune di Ostana e risulta raggiungibile mediante una buona strada non asfaltata; il tracciato offre splendidi panorami soprattutto sul Monviso sia lungo la salita che al suo termine.

Dalla rotonda all'inizio del centro abitato di Paesana (614m) si imbocca la strada per Crissolo che sale moderatamente attraversando la vallata ed il Po su un lungo ponte mentre appare maestoso il Monviso, si incontra sulla destra una strada per Barge, poi la valle si restringe e si lascia a destra la piccola frazione di Ghisola (682m) e si arriva a Calcinere (731m) dove si può scegliere se seguire la provinciale oppure attraversare il paesino incontrando una bella fontana dove si può fare approvvigionamento d'acqua.
Si prosegue in forte salita fino alle Case Boschetto, dove si incontra un breve falsopiano, poi si procede con pendenze irregolari fino al bivio dove si lascia a sinistra la strada per Oncino che attraversa il Po al Ponte Laità (904m); subito dopo si affrontano due ripidi tornanti ravvicinati e si continua per un chilometro con dure pendenze; dopo 250 metri facili si riprende in forte ascesa e si supera un'altra coppia di tornanti.
Si svolta a destra a quota 1139m seguendo le indicazioni per Ostana e si abbandona la strada principale che raggiunge Crissolo e poi si inerpica al Piano del Re (2020m); dopo 750 metri in corrispondenza del 2° tornante si lascia a destra la strada per il capoluogo e si imbocca la diramazione per Ciampagna; si procede in falsopiano per 200 metri poi si imbocca il vallone del Rio Combe dominato sull'opposto versante dal Santuario di San Chiaffredo (1417m) e si procede con ripidi strappi (la pendenza è segnalata al 12%), si superano due tornanti ravvicinati, si gode per un attimo una splendida vista del santuario con il Monviso sullo sfondo appena prima di attraversare il torrente; in ripida ascesa si arriva nella parte bassa di Ciampagna (1355m) e si lascia a destra una breve diramazione per la chiesetta della Madonna del Buon Consiglio.
Si procede brevemente in falsopiano superando le case della frazione; si riprende a salire e subito dopo aver passato il cartello indicante la fine del centro abitato si abbandona la strada per le frazioni alte di Crissolo e si svolta a destra senza alcuna indicazione.
Si sale fortemente e si incontra il cartello indicante la frazione Boda-Martin, composta da case sparse e si affrontano 5 stretti e ripidi tornanti con fondo asfaltato ma dissestato; dopo il 5° tornante inizia il tratto asfaltato nel 2011 con fondo perfetto ma in alcuni punti invaso da sassolini; inoltre bisogna fare attenzione in discesa agli avvallamenti trasversali per lo scolo delle acque che devono essere affrontati a velocità ridottai.
Si sale ripidamente nel bosco ed in corrispondenza dell'ottavo tornante si lasciano a sinistra le Case Ambornelli (1610m) poi il bosco si dirada ed il panorama diventa sempre più ampio; all'uscita del 12° tornante termina il tratto asfaltato e si procede per 400 metri su fondo di sassolini fastidiosi ma sempre ciclabile con tranquillità fino ad un bivio (1810m) dove si lascia a destra la strada per Chiotti e l'alpeggio di Prà Mori che si vede molto bene.
Si tiene dunque a sinistra su buon fondo in terra battuta affrontando subito il 13° tornante seguito da altri 4 ripidi tornanti tra i prati; dopo il 17° tornante si superano i ruderi dell'Alpe Maiassole (1899m) e si raggiunge con pendenza moderata l'ultimo tornante.
Si procede in forte salita fino ad una vasca per l'abbeveramento del bestiame e con pendenza abbastanza impegnativa si raggiunge il crinale denominato le Roccette (2015m), che rappresenta il punto più panoramico del percorso, e che prende nome dalle pietre aguzze che lo disegnano; si entra nel vallone conclusivo in breve leggera discesa e si continua con psalita moderata fino al termine della strada nell'ampia conca di pascoli di Tampa Colletta o Pian delle Fontane; svoltando a sinistra si può ancora salire per 100 metri tra i prati fino nei pressi di una vasca di raccolta dell'acqua.
Il panorama è superlativo sul Monviso ed il cerchio di montagne che chiudono la valle del Po ma la vista si spinge anche sulla pianura cuneese e sulle Alpi Liguri; ho osservato il Monviso da molti diversi punti di osservazione ma ritengo Tampa Colletta il miglior punto per ammirarlo.

(Itinerario percorso il 28/08/2011)



Il Santuario di S.Chiaffredo ed il Monviso visti prima di Ciampagna

Il punto in cui termina la strada non asfaltata

La conca di Tampa Colletta e l'ultimo tratto di strada

Il Monviso e le montagne dell'alta Valle Po visti prima dalle Roccette

Premi per tornare all'elenco delle salite o clicca per tornare alla HOME Page