COL D'ALLOS, 2240m (Alpes de Haute Provence)



Accesso da Colmars 22,7 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Colmars(1235)-Allos(1425)
7,7

190

2,47

Allos(1425)-la Foux(1708) 

6,7

283

4,22

la Foux(1708)-la Foux-d'Allos(1792) 
1,6

84

5,25

la Foux-d'Allos(1792)-Col d'Allos(2240) 

6,7

448

6,69





Accesso da Barcelonnette 19,7 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Barcelonnette(1132)-Pont Rouge(1144)

2,5

12

0,48

Pont Rouge(1144)-bivio Pra Loup(1218)

1,3

74

5,69

bivio Pra Loup(1218)-Torrent des Agneliers(1671)

7,3

453

6,21

Torrent des Agneliers(1671)-4° tornante(2025)

5,4

354

6,56

4° tornante(2025)-Col d'Allos(2240)

3,2

215

6,72




Il passo collega la valle del Verdon con la valle dell'Ubaye mediante una panoramica strada asfaltata, la dipartimentale D908; il percorso risulta molto impegnativo per la lunghezza e le pendenze, severe nel tratto più elevato, per la ristrettezza e tortuosità della sede stradale e per il fondo a tratti sconnesso e rovinato; in fase di discesa è necessario moderare la velocità e prestare la massima attenzione.
Da Allos alla sommità del passo il tracciato è sempre allo scoperto e l'ombra risulta praticamente inesistente; nelle assolate giornate estive il caldo può quindi essere molto sensibile.
Nei mesi di luglio ed agosto il venerdì mattina il versante settentrionale nel tratto tra il bivio per Pra Loup ed il valico è chiuso al traffico motorizzato e riservato ai ciclisti dalle 8 alle 11.

Sul versante meridionale il percorso inizia a Colmars (1235m), antica cittadina fortificata racchiusa in un cerchio di mura molto ben conservate e con un assetto urbano di grande interesse, dominata dalle due fortezze, il Fort de Savoie a nord in posizione panoramica, ed il Fort de France a sud; nella piazza del municipio, all'interno delle mura, si incontra una bella fontana; nella stessa piazza si trova l'ufficio di informazione turistica.
Dalla porta settentrionale delle mura inizia un'impegnativo tratto di salita lungo circa 800 metri che consente di superare la boscosa gola in cui si restringe la vallata; all'altezza del Fort de Savoie si distacca a destra (1269m) la strada per il Col des Champs (2095m); la strada diventa quasi piana fino a Pont Clignon (1307m), poi inizia a salire dolcemente.
Si continua in leggera ascesa con qualche breve strappo dalla pendenza più accentuata fino alla bella conca di Allos (1425m), sviluppato centro turistico; all'inizio del paese si distacca a destra (1414m) la strada per il Lac d'Allos (2229m): la carrozzabile raggiunge in 10,5 Km un parcheggio (2127m), da dove un sentiero di qualche chilometro conduce al lago; tale sentiero non risulta percorribile neanche con biciclette da montagna.
La strada aggira il borgo storico con una rampa e prosegue quasi piana fino al ponte sul torrente Bouchiers (1438m); subito dopo si lascia a sinistra (1449m) la strada dipartimentale D26 per la stazione sciistica di Le Seignus (1612m).
Si inizia una salita moderata lungo l'ampia ed assolata alta valle del fiume Verdon; la pendenza diventa poi progressivamente più impegnativa fino a risultare decisamente severa; si superano i piccoli borghi di la Baumelle, la Baume e les Gays e si raggiunge il vecchio piccolo abitato di la Foux (1708m); si oltrepassa la Souche (1739m) e si perviene alla moderna stazione sciistica di la Foux-d'Allos (1792m), in un'ampia conca circondata da montagne aspre e brulle.
Si incontra un bivio: svoltando a sinistra si attraversa il centro della stazione, dove si incontra una bella fontana; questo percorso risulta obbligatorio durante la discesa; seguendo il tracciato classico del valico si continua sul lato orientale della valle con sensibile pendenza; i due percorsi si riuniscono dopo 800 metri.
Alla fine dell'estesa località turistica si affronta una serie di duri e stretti tornanti tra i prati entrando nello spoglio vallone che conduce al valico, visibile alla sommità; lungo la strada si osservano gli impianti di risalita utilizzati in inverno per lo sci; dopo il 1° tornante (1873m), in corrispondenza del quale si lascia a sinistra la strada chiusa al traffico motorizzato per la Cascine de la Sestrière (2058m) si raggiunge il 2° tornante (1912m) e si affrontano 3 stretti tornanti ravvicinati; dopo il 6° tornante si supera una fattoria e si affronta il 7° tornante (1971m) seguito dall'ottavo tornante (2016m) e dal 9° tornante.
La salita continua con un ripido tratto in costa attraversando il ponticello (2092m) sul Riou de Poussendriou; dopo il penultimo tornante (2138m) e l'ultimo tornante (2172m) si affronta l'ultimo pezzo di forte ascesa che conduce al passo.
Si gode un ampio panorama verso la valle del Verdon e, salendo a piedi per pochi metri sul costone erboso a nord, si apre una vasta visuale anche sui monti della valle dell'Ubaye; un casotto vende bevande e souvenir; nelle belle giornate è impossibile trovare ombra; facili sentieri per pedoni consentono di accedere alle dolci cime circostanti.
Dopo 300 metri di discesa si incontra il rifugio con servizio di bar-ristorante, presso il quale si trova la tavola di orientamento con la descrizione del panorama in direzione nord.

Sul versante settentrionale il percorso inizia a Barcelonnette (1132m), importante centro turistico della valle dell'Ubaye; dopo aver attraversato il fiume (1123m) la comoda strada dipartimentale D902 attraversa in falsopiano il fondovalle tra le case sparse del quartiere meridionale della cittadina; al termine del centro abitato si svolta a destra lasciando a sinistra la strada per il Col de la Cayolle (2326m) ed imboccando la strada dipartimentale D908 che attraversa il torrente Bachelard sul Pont Rouge (1144m) e dopo il villaggio di le Pied de la Maure (1157m) sale alta in costa sul versante occidentale della valle.
Si lascia a destra ad un incrocio (1218m) la comoda strada per Pra Loup (1630m), importante stazione turistica; la strada diventa più stretta e sale sensibilmente con bel panorama.
Dopo aver aggirato un crinale (1541m) la strada effettua un'ampia diversione verso ovest in una valletta laterale, attraversa il ponte (1671m) sul Torrent des Agneliers e raggiunge la località di Les Agneliers, base di impianti sciistici; dopo il ponte (1723m) sul Riou de Vescal si affrontano due tornanti e si procede nel Bois de Gache superando un ricovero (1838m).
Si aggira il crinale nord-orientale de la Serre de la Crous e si procede con dure pendenze in costa prima di affrontare il 3° ed il 4° tornante (2025m); si procede con un lungo tratto in costa attraversando il ponte (2085m) sul Riou de Barreme e superando una cascina (2113m) in corrispondenza dell'aggiramento di un crinale; il tracciato continua ripido, tortuoso e sempre esposto al sole fino a raggiungere il valico.

(Itinerario percorso il 18/08/1993 dal versante sud)



Panorama sul paese di Allos e la sua conca

Premi per tornare alla pagina precedente o clicca per tornare alla HOME Page