PARCHEGGIO ALTUMEIRA, 2068m (Sondrio)



Accesso da Bormio per strada statale 22,1 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Bormio(1201)-Ponte dei Bagni(1301) 
3,5

100

2,86

Ponte dei Bagni(1301)-Fior d'Alpe(1310)
1,4

9

0,64

Fior d'Alpe(1310)-Piandelvino(1317)
2,0

7

0,35

Piandelvino(1317)-Isolaccia rotonda(1346)
2,5

29

1,16

Isolaccia rotonda(1346)-Semogo(1468)
1,9

122

6,42

Semogo(1468)-San Carlo(1586)  
2,0

118

5,90

San Carlo(1586)-1° tornante(1690)
1,6

104

6,50

1° tornante(1690)-Arnoga(1885) 
2,9

195

6,72

Arnoga(1885)-Campo(1962) 
2,0

77

3,85

Campo(1962)-Ponte Minestra(2030)
1,9

68

3,58

Ponte Minestra(2030)-Parcheggio Altumeira(2068)
0,4

38

9,50




Accesso da Bormio-Santa Lucia usando piste ciclabili 22,2 Km

Distanza (km)

Dislivello (m)

Pendenza (%)

Santa Lucia(1170)-Fior d'Alpe(1310)
4,5

140

3,11

Fior d'Alpe(1310)-Piandelvino(1317)
2,0

7

0,35

Piandelvino(1317)-Isolaccia ponte(1340)
2,2

23

1,05

Isolaccia ponte(1340)-Semogo bassa(1468)
3,0

128

4,27

Semogo bassa(1468)-San Carlo(1586)  
1,7

118

6,94

San Carlo(1586)-1° tornante(1690)
1,6

104

6,50

1° tornante(1690)-Arnoga(1885) 
2,9

195

6,72

Arnoga(1885)-Campo(1962) 
2,0

77

3,85

Campo(1962)-Ponte Minestra(2030)
1,9

68

3,58

Ponte Minestra(2030)-Parcheggio Altumeira(2068)
0,4

38

9,50




Il parcheggio si trova nella Val Viola, in alta Valtellina, ed è raggiungibile mediante una stretta strada asfaltata che si distacca ad Arnoga dall'importante strada statale 301 che unisce Bormio a Livigno attraverso il Passo del Foscagno (2291m) ed il Passo d'Eira; il percorso presenta un'altimetria estremamente frastagliata con rampe durissime e tratti pianeggianti per cui le pendenze medie risultano poco significative; il parcheggio è quotato 2068m dalla carta tecnica regionale e 2065m sul cartello presente proprio al termine dell'asfalto.
In alternativa alla strada statale 301 è consigliato ai ciclisti sfruttare due lunghi tratti di pista ciclabile nella parte bassa del percorso per evitare quanto più possibile l'intenso traffico motorizzato; nel seguito è presentato il percorso lungo la statale con le varianti su pista ciclabile.

Si parte da Bormio (1201m) seguendo per breve tratto in sensibile salita la strada che conduce al Passo dello Stelvio (2758m); dopo due tornanti si svolta a sinistra in corrispondenza del 3° tornante (1297m), si imbocca la strada per Livigno e si procede quasi in piano con una strettoia in un gruppo di case fino a varcare l'Adda sul Ponte dei Bagni (1301m).
Si continua senza difficoltà passando alti sopra Premadio (1255m) e si lascia sulla destra il seicentesco Santuario della Madonna della Pietà (1317m) presso il piccolo nucleo di case denominate Fior d'Alpe dove si raggiunge un incrocio (1310m) dove a sinistra sbuca la strada asfaltata Bormio-Premadio ed a destra si lascia la bella strada asfaltata per il Passo delle Torri di Fraele (1941m) ed in seguito non asaltata per i laghi di Cancano ed il Passo di Fraele (1952).
Si procede in falsopiano attraversando con restringimenti della carreggiata la piccola frazione di Torripiano dove si incontrano una fontana ed una breve e facile discesa.
Si raggiunge senza difficoltà Piandelvino, si attraversa il torrente Viola in località Pradelle (1324m) e si procede senza difficoltà nell'ampio fondovalle lasciando a sinistra gli impianti di risalita di Valdidentro; sulla destra si gode una bella vista sulle Torri di Fraele e sugli spettacolari tornanti che le raggiungono (le cosiddette Scale di Fraele).
Si riattraversa il torrente entrando in Isolaccia, capoluogo del comune di Valdidentro; dopo la rotonda (1346m) davanti alla chiesa si inizia a salire moderatamente su tracciato a senso unico; all'uscita del paese la strada si impenna e si affronta il tratto più duro della salita con pendenze che raggiungono l'11%; con minore difficoltà si raggiunge Semogo (1468m), dove si trovano due fontane.
Si continua in severa ascesa e si arriva a San Carlo (1586m), l'ultima frazione di Valdidentro; la strada si snoda con pendenze impegnative e visione grandiosa sulla vicina Cima de'Piazzi (3439m) con il suo scintillante ghiacciaio.

Varianti su pista ciclabile:.
Ci sono 2 tratti di piste ciclabili che consentono nella fase iniziale del percorso di evitare alcuni tratti della strada statale 301 e che risultano fortemente consigliati ai ciclisti.

1) Da Santa Lucia a Fior d'Alpe.
Al ponte di Santa Lucia (1170m) all'inizio della conca di Bormio si imbocca la pista ciclabile che costeggia l'Adda in leggera ascesa; questo tratto è molto frequentato dai pedoni e bisogna procedere a bassa velocità.
Il tracciato percorre poi una stretta gola ed arriva ad un incrocio; a sinistra il tracciato attraversa il ponte sul fiume ma poi diventa sterrato ed adatto solo per le mountain-bike; a destra il percorso asfaltato sale con un duro tornante e sbuca presso la chiesa di San Gallo (1238m) sulla provinciale che a sinistra raggiunge in falsopiano Premadio il cui attraversamento è regolato a senso unico alternato mediante un semaforo.
Subito dopo il semaforo la strada si impenna e con due ripidi tornanti raggiunge la chiesa parrocchiale; dopo un tratto a senso unico si svolta a sinistra, si oltrepassa una fontana e si sale sensibilmente all'incrocio (1310m) sulla statale in località Fior d'Alpe ai piedi del Santuario della Madonna della Pietà (1317m).
All'incrocio si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per Livigno e si procede lungo la strada statale 301.

2) Da Piandelvino a San Carlo.
Ad un incrocio (1317m) all'inizio del centro abitato di Piandelvino-Pradelle si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per “Sentiero Viola” e si segue la viabilità locale con una curva a destra; subito dopo si svolta a sinistra imboccando la pista ciclabile e si attraversa il torrente Viola con un ponte dal fondo di assi in legno; alla fine della discesa si svolta a destra con una stretta curva e si prosegue lungo il torrente sottopassando la statale 301 nel punto in cui questa attraversa il torrente Viola (1324m).
Si raggiunge Isolaccia in sede propria costeggiando il torrente che si attraversa con un ponte (1340m) cambiando sponda; si sottopassa nuovamente la statale 301 mentre entra in paese per raggiungere la rotonda davanti alla chiesa e si continua lungo il torrente fino al successivo ponte (1357m) che non si attraversa.
Si prosegue lungo una tranquilla stradina di viabilità locale che continua costeggiando il torrente Viola e dopo le ultime case ridiventa (1371m) pista ciclabile che prosegue in una stretta gola verdeggiante.
Dopo un ponticello si comincia a salire con pendenza progressivamente più dura e dopo il successivo ponte si procede su viabilità promiscua e si sale decisamente con 2 tornanti al cimitero di Semogo (1440m); si entra nella parte bassa del paese e si arriva ad un incrocio (1453m) con uno “stop”; prendendo a destra si attraversa il paese di Semogo sbucando sulla statale 301 (1471m).
Svoltando invece a sinistra si scende leggermente per 150 metri percorrendo senza difficoltà due ponticelli su torrenti laterali e si comincia a salire duramente lungo la Via Le Ponti; con 2 tornanti si raggiunge la parte bassa del paese di San Carlo e dopo un altro tornante tra le case si arriva facilmente all'incrocio (1567m) dove si sbuca sulla statale 301; dopo 270 metri si raggiunge la chiesa parrocchiale di San Carlo (1586m).

Dopo San Carlo la salita continua meno dura con due ampi tornanti (1690m e 1748m) e si giunge in località Arnoga (1885m).
Ad Arnoga (1885m) si lascia a destra l'ampia e trafficata strada per il Passo del Foscagno (2291m) e Livigno svoltando a sinistra con la massima attenzione in corrispondenza di un tornante e si imbocca la stradina asfaltata che sale a destra lasciando asinistra la strada bassa a fondo naturale che conduce alle Baite Crapena e da qui per mulattiera al Passo di Verva (2301m).
La strada è asfaltata ma stretta ed il traffico dei mezzi motorizzati è sottoposto a regolamentazione nei periodi di maggior flusso turistico; una navetta collega Arnoga al parcheggio.
Si comincia in facile salita per 300 metri ma dopo il capolinea della navetta si affronta una ripida e breve rampa.
Si segue la stretta strada asfaltata che si mantiene alta sul fondovalle della Val Viola Bormina salendo moderatamente; si procede con pendenze irregolari e si oltrepassano la Baita del Dosso e la località Permogli; dopo l'incrocio dove si lascia a destra la carreggiabile per Sattarona (2196m) si affronta una rampa breve ma molto ripida seguita da una discesa ancora più ripida che conduce ad un incrocio (1943m) dove si ignora la strada a sinistra per l'Alpe di Campo e si tiene a destra affrontando una rampa molto impegnativa.
Dopo essere passati tra due baite in località Campo (1962m) si percorre un tratto tra i prati e si apre un ampio panorama che consente di godere di tutta la bellezza della Val Viola.Dopo un edificio (1984m) si effettua una curva a destra entrando nel fitto bosco e si supera un torrentello laterale con un'ampia curva a sinistra; dopo un tratto di salita impegnativa il tracciato spiana.
Si continua alti in costa raggiungendo uno spiazzo (2022m) dove si ignora una carreggiabile a destra per la località Stagimel ed oltrepassando un parcheggio; si procede per 750 metri in falsopiano fino al ponticello (2030m) sul torrente Minestra che scende formando una serie di cascatelle.
Dopo il ponte inizia una ripida rampa che dopo 100 metri lascia a sinistra ad un incrocio (2041m) una carreggiabile che scende verso le baite sottostanti e dopo altri 300 metri conduce al parcheggio Altumeira dove termina il tratto asfaltato.
Il luogo è poco panoramico perché è un parcheggio immerso nel bosco; solo in lontananza si osserva la cuspide ghiacciata dell'Ortles.
Dal parcheggio la strada prosegue a fondo naturale per raggiungere il rifugio Val Viola (2314m) e con maggiori difficoltà il Passo di Val Viola (2469m) sul confine con la Svizzera alla testata della valle.

(Itinerario percorso il 04/08/2019)



Panorama sulla Val Viola dalle Baite Campo

Fra gli alberi del parcheggio si vede in lontananza la cuspide ghiacciata dell'Ortles

Premi per tornare all'elenco dei passi o clicca per tornare alla HOME Page